Utente 153XXX
buongiorno,
a mio padre gli e' stato effettuato un svuotamento l.c. sx T occulto
Materiale in esame
A svuotamento l.c sx: livello IIb
B livello III
C livello IV
D livello V
Descizione macroscopica del materiale
A frammento grigio-giallastro di cm 3 comprendente 7 linfonodi a1a2
B frammento del diam. max cm 5 comprendente un voluminoso linfonodo biacastro del diametro max di cm 3.5 piccoli linfonodi b1b2b3
C frammento grigiastro comprendente 18 linfonodi c1c2c3
D frammento grigiastro comprendente 10 linfonodi d1d2d3

Diagnosi
A)C)D) linfonodi con iperplasia reattiva
B metastasi di carcinoma squamoso con estese aree di necrosi e con focale estensione extracapsulare in uno dei 6 linfonodi isolati. E' presente anche frammento fi ghiandola salivare maggiore eente da altertazioni di rilievo .

Successivamente attraverso una tomoscintigrafia globale corporea PET gli e' stato diagnosticato cosi come da referto:
Torace iperaccumulo focale del radiofarmaco e' apprezzabile all'ilio polmonare di destra ( 25mm; suv 7.3), contiguo al bronco lobare superiore.
Hanno deciso di procedere con dei cicli di chemioterapia ha già effettuato due sedute, vorrei sapere se e' possibile operarlo e perche hanno deciso per la chemio. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buonasera,

il trattamento consigliato (chemioterapia) è corretto, in quanto si tratta di una malattia diffusa al terzo livello linfonodale (N3), che pertanto deve considerarsi sistemica: in uno stadio di malattia di questo tipo l'intervento chirurgico non è tecnicamente impossibile, ma è sostanzialmente inutile dal punto di vista oncologico, non migliorando la prognosi del paziente.

Rimango a sua disposizione per ogni eventuale necessità o chiarimento.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Mi scusi cosa vuol dire non migiorando la posizione del paziente, la funzione della chemio quale? Si riesce a guarire e non ci sono possibiltà? Grazie mille

Cordiali sauti
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

significa che l'intervento, statisticamente, non migliora la sopravvivenza e la qualità di vita del paziente con questa stadiazione, e quindi NON DEVE ESSERE ESEGUITO.

La percentuale di "guarigione" di una neoplasia polmonare in stadio N3 linfonodale è del 5%, il trattamento indicato è quello chemio-radioterapico.


Cordiali saluti,