Utente 753XXX
Buonasera Dottori,
una domanda, ma quando si fanno delle sclerosanti come bisogna agire?
E' giusto tenere per un tot di tempo la calza elastica e quando si è sdraiati aspettare 15 minuti e poi toglierla o non serve a nulla? E per quanto tempo?

Spero in una vostra gentile risposta.
Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
è abitudine della maggior parte dei Flebologi prescrivere in corso di scleroterapia per capillari una compressione elastica mediante opportune calze o, in casi selezionati, mediante fasce elastiche: per queste ultime il posizionamento e mantenimento in sede richiede particolare attenzione e perizia e non può essere affidato alla paziente.
La compressione è in ogni caso obbligatoria per la scleroterapia di vene di calibro maggiore.
Il razionale di questa applicazione consiste nel mantenere per quanto possibile collassate e "vuote" le vene trattate favorendo così un più rapido ed efficace effetto della terapia e riducendo fastidiosi effetti quali la persistenza di sangue coagulato all'interno del vaso, ematomi, ecc.
Il metodo di applicazione varia molto in base all'esperienza e alle convinzioni dell'operatore, ma in linea generale, dopo un uso continuativo nei primi giorni (per me anche la prima notte dopo ogni seduta), l'applicazione potrà essere più discontinua.
[#2] dopo  
Utente 753XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottore della pronta risposta.
Ma se uno fa tante sclerosanti, fino ad ora ne ho fatte una decina e mi sono operata 4 volte, in futuro cosa può comportare? Con la vecchiaia?...

Spero in una sua gentile risposta.
Distinti Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Difficile in questo caso poterLe dare una risposta a distanza.
A che tipo di interventi è stata sottoposta ?
Probabilmente il sovrappeso, oltre una evidente costituzionalità, è alla base del reiterarsi delle manifestazioni.