Utente 128XXX
Gent:mo dott.
Chiedo con cortese urgenza un consulto per la mamma 84enne che forse dopo una pulizia dei calli e duroni ai piedi il giorno dopo si è gonfiato e infiammato un piede.ha problemi di circolazione (prende cardioaspirina,diuretico)
il medico di guardia ha prescritto antibiotico e iniezioni di Clexotene?
dopo 2 giorni è leggermente migliorata ma è a riposo.Sta attraversando un brutto momento per la malattia di papà.E' depressa e non mangia ha il valore di acidi urici leggermente alto. Può dipendere dalla pulizia troppo profonda dei duroni e calli?
Attendo la risposta con cortese urgenza
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA.

E' possibile che il trauma apportato ai tegumenti abbia potuto scatenare una linfangite reattiva, responsabile delle manifestazioni descritte.
La terapia prescritta, sempre con i limiti di una valutazione a distanza, sembra corretta.
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
GRAZIE DOTT.PISCITELLI
LE SONO MOLTO GRATA
E MI RASSICURA UN PO NONOSTANTE I GROSSI PROBLEMI CHE ABBIAMO PER IL PAPA
[#3] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
gent.mo dottore,
ora a distanza di circa 18 gg si e gonfiato anche l'altro piede. Settimana scorsa al pronto soccorso l'esame doppler è risultato nella norma l'antibiotico lha preso per 15 gg. sussistono ancora i problemi del papà perciò siamo tutti molto tesi.
Ci può delucidare con i suoi consigli che attendo con premura.GRAZIE e complimenti per il suo lavoro.La mamma è ipotiroidea e assume eutirox 25 al dì da 1 mese circa
[#4] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Signora,
comprenderà la difficoltà, mio malgrado, di poterLe essere utile a distanza con il rischio di esprimere valutazioni fallaci e che condurrebbero a deduzioni errate.

La negatività dell'ecocolordoppler avvalora la possibilità di un quadro di stasi linfatica, ma sull'origine ed il motivo dell'estensione all'arto controlaterale non ho elementi per potermi esprimere.
Un controllo ripetuto dell'uricemia potrebbe essere certamente utile.
Ma è necessario che la situazione sia valutata de visu.
[#5] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dott.Piscitelli,
La ringrazio della premura nel rispondermi.
Come sempre molto competente e gentile.
La mamma verrà vista dal ns.medico.
Grazie.