Utente 154XXX

DOMANDA AL MEDICO: Salve, circa 4 mesi fa mi sono recata presso un centro della mia zona perchè avevo sentito parlare molto bene della cavitazione come metodo per eliminare la cellulite/grasso localizzato. mi sono sottoposta alle prime 10 sedute, che ho fatto sulle coulotte de cheval e caviglie (anche se incredibile ho molta cellulite nelle caviglie: praticamente si prende la plica!) ho riscontrato una evidente differenza fra le parti che è stata confermata dalle misure : 2 cm in più nella caviglia di sx e 2,5 cm in più nella coulotte di dx (quindi non dalla stessa parte, ma una in una gamba e una in un'altra...!?!). Successivamente il centro, ovviamente, mi ha proposto di fare altre sedute per compensare il divario e ne ho già incrementate 5 senza risultato a mio avviso... Leggendo in internet ho imparato che la cavitazione deve essere seguita sempre da massaggio, mentre in 3 di queste ultime sedute è stato quasi tralasciato. Perchè si è creata così una differenza fra parti del corpo opposte? (Avrei capito di più se fossero stati dalla stessa parte, magari pensando che la circolazione di una gamba possa essere più rallentata). Può essere un mal esecuzione da parte dell'operatore? A volte capita anche che sento male come se mi bruciassero perchè usano l'apparecchio al massimo, qual'è la frequenza più idonea per ottenere il massimo risultato senza soffrire troppo male? Ho letto che anche i medici praticano cavitazione, ma con l'iniezione di liquido prima, è un metodo più sicuro o può dare più problemi? Scusate per le innumerevoli domande, ma i dubbi sono tanti insieme alla paura che mi creino dei danni, comunque vi ringrazio anticipatamente della risposta che mi darete.
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
i dubbi e le perplessità che vive in questi momenti post-trattamento derivano proprio dalla inosservanza ed impossibilità del centro a stabilire:
1) diagnosi dell'inestetismo da trattare;
2) valutazione delle aree per evitare asimmetrie;
3) impostazione della metodica, mirata all'inestetismo;
4) risultati accetabili in tempi prestabiliti con la paziente.
Da quanto sopra esposto, si evince che una buona valutazione Medico-stetica sarebbe stata fondamentale per le Sue problematiche...così come in qualsiasi campo della medicina (in questo caso "estetica"!).
Si affidi alle competenze, all'esperienza ed alla preparazione di un Medico del settore...e non abbia timore.
Sicuramente, un Medico è formato per risolvere problemi...e non per causarli.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 154XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio della tempestiva risposta. Lei pensa comunque che incrementando altre sedute io riesca a compensare il problema? Per lei è un metodo valido se viene effettuato in modo corretto? Come posso trovare un medico competente che utilizzi la cavitazione nella mia zona? Se non si drenano immediatamente i grassi che si liberano, con il massaggio, in seguito riescono ugualmente a mobilizzarsi dalla zona o diventa piu' difficile toglierli? cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. utente,
il numero delle sedute è orientativamente proporzionato allo spessore ed al tipo di adiposità localizzata.
La cavitazione attualmente è una delle metodiche, per l'adiposità localizzate, che permette di raggiungere risultati soddisfacenti...se ben eseguita.
Il drenaggio, abbinato anche alla terapia idropinica, favorisce una minor raccolta edematosa ma, soprattutto, aiuta attraverso la minzione ad eliminare il contenuto lipidico delle cellule adipose, rilasciato in circolo.
Per questi motivi e non solo, è sempre consigliabile effettuare il trattamento previo parere medico.
Cordialmente