Utente 155XXX
Buongiorno Dottori, sono un ragazzo di 30anni. Ho un problema, definirlo dolore sarebbe una balla, alla pancia, quadrante inferiore destro. E' un fastidio interno, come una vibrazione, quasi continua che ogni tanto sfocia in una sorta di pizzicotto dato sempre dall'interno. Non sento dolore in tutti questi casi: Pressione e rilascio, saltelli continui, starnuti, tosse, sbadigli, sforzi, piegamenti, stiramenti con le braccia alte. Ho fatto delle prove, trovate su internet, quali: Disteso, gamba destra piegata, piegamento della stessa verso sx e poi verso dx ma nn porta nessun dolore. pressione sulla pancia e sul ginocchio dx con gamba tesa e sollevamento forzato della gamba, ma anche qui nessun dolore. Il dolore è limitato a quel punto e basta. Non è acuto, ma sordo, intendo, quando arriva nn debbo ne fermarmi ne piegarmi ne nulla, proprio come un semplice pizzico. Ho sofferto, e ancora ne soffro, di gastrite acuta da stress e da agente infulenzale, da circa 5 mesi. Gli esami del sangue, alla fine di febbraio, erano perfetti. Non ho problemi ad andare in bagno, vado regolare , come sempre tutte le sere. I sintomi sono comparsi dopo un forte stress domenica notte (ho portato mio padre al P.S. per un, appunto, attacco di appendicite. Non ho nausea, ne vomito, ne anoressia. Solo una PAURA folle. Tengo la febbre controllata ogni 2 ore da ieri mattina, ma nn è mai salita, 36.3 alla mattina, 36.7 al pomeriggio. Cosa faccio secondo voi? Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
per prima cosa le direi di stare tranquillo, poichè quello che descrive non sembra essere nulla di drammatico. Potrebbe trattarsi infatti di una infiammazione del colon (colite), ma la certezza la potrà avere dopo una visita medica.
La invito quindi a contattare il suo medico curante per un consulto.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo Dottore la ringrazio,
la sua risposta, anche sotto l'aspetto umano, è confortante.
La mia fobia, tuttavia, rimane molto viva.
Purtroppo sono impossibilitato a vedere il mio curante per via del fatto cheio e mio padre abbiamo 2 negozi, e con lui in ospedale io devo gestirli entrambi. Esco la mattina alle 6.30 e rientro alle 22.00.
Ha dei consigli o prove da darmi per scongiurare la tanto temuta appendice infiammata e validare la colite? Ieri sera ho avuto la fortuna di incontrare una ASA che ha lavorato tanti anni in ospedale e, pur senza esperienza medica, ha provato a schiacciarmi l'addome nei punti critici dell'appendicite; i risultati della mia dolorabilità sono stati:
pressione addome basso sx - nessun dolore
pressione addome basso centro - nessun dolore
pressione addome basso dx - solito pizzicotto, ma niente al rilascio
pressione profonda e rilascio rapido addome basso dx - nessun dolore
pressione addome alto a dx - nessun dolore ma sensazione di pressione in tutta la zona intestinale come se si muovesse dell'aria.
Ha rifatto anche le prove di rotazione gamba dx piegata, pressione addome e ginocchio con sollevamento gamba e saltelli per pochi secondi. Nessun dolore acuto.
Ero a stomaco vuoto. Mangio 1 volta al giorno solo a pranzo per dieta.
So di sembrarle "matto" e assillante, ma temporaneamente ho trovato in voi l'unico rimedio.
Un ultima domanda. La pressione profonda, anche troppo, prolungata e fatta piu volte da me, nella zona del quadrante in dx, sulla mia "ciccia" puo provocare un sorta di livido nn visibile che puo essere dolorante alla pressione? Lo chiedo xche alla pressione sento un dolorino ma ad "ascoltarlo" pare essere a livello sottocutaneo piu che interno/viscerale.

Ancora grazie per la vs. Pazienza.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
pur comprendendo le sue paure penso che per poter avere la certezza di una diagnosi dovrebbe, con calma e senza fretta, rivolgersi ad un medico appena possibile.
Io potrei continuare a dirle che i sintomi da lei descritti non sembrano essere causati da una appendicite, che le manovre descritte, se correttamente eseguite, potrebbero avvalorare questa ipotesi ma, senza nulla togliere al suo amico ASA, penso che la esperienza clinica di un medico non possa essere sostituita.
Infine, oltre ad augurarle una pronta guarigione per il suo papà, la invito a valutare bene la sua alimentazione: mangiare solo una volta al giorno per dieta non è corretto e non credo che un medico le abbia prescritto questo.

Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno,
ho seguito i consigli di mantenere la calma e restare tranquillo e devo dire che, giovedì e ieri (venerdì) le cose sembravano essere andate meglio. La sensazione di dolore è stata molto più lieve e rara. Tuttavia sono comparsi altri sintomi. Giovedì nel tardo pomeriggio ho cominciato a sentire dolore alla parte bassa della schiena, proprio sopra i glutei; il dolore si è poi irradiato lungo il gluteo dx e nella parte esterna e posteriore della gamba dx fino al cavopopliteo. Questo dolore è più vivo (anche se ASSOLUAMENTE sopportabile) da seduto e appena mi sdraio. Se resto in piedi tende quasi a svanire. Il mio lavoro è abbastanza sedentario e sto parecchio seduto. Non mi da problemi a fare le scale, corricchiare, saltare. Puo essere tutto concomitante? Questa mattina avvertivo un leggero senso di nausea, passato con una leggera colazione; Rimane comunque tanta aria che sento girare tra stomaco ed intestino (non fatico ad espellerla). Un ultima cosa, da un apio di giorni l'andare in bagno è difficoltoso, nel senso che ho poco stimolo ed anche la quantità è poca. Tengo sempre le feci controllate, colore e consistenza sono regolari. Dottore, credo anche io che il mio stato d'ansia sia la cuasa principale di tutto, ma necessito di un suo parere.
La ringrazio per la pazienza.
[#5] dopo  
Utente 155XXX

Iscritto dal 2010
Edit:
Dimenticaov di dirle che:
L'evacuazione è si leggermente difficoltosa, ma la mia alimentazione da 1 settimana è, come già le avevo accennato, di 1 pasto al giorno composto da 50 grammi di brasaola o prosciutto crudo sgrassato e 50 grammi (circa) di pane. Bevo circa 1 litro di acqua al giorno.

Altra info che vorrei darle è che tutti i sintomi, a parte il dolore alla schiena, tendono a sparire circa dopo 20 minuti aver assunto 30 goccie di Finocchio e 1 pastiglietta di Valeriana. Operazione che effetto alla mattina verso le 10.30 e la sera prima di coricarmi.
[#6] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signore
non credo che la sua dieta sia adeguata alle sue esigenze caloriche quotidiane e pertanto la invito a consultare uno specialista dietologo. L'apporto idrico giornaliero dovrebbe comunque essere di circa due litri di liquidi.
La attenuazione dei sintomi dopo l'aassunzione di valeriana depongono per una componente ansiosa, ma la certezza la avrà dopo una valutazione medica e psicologica.

Cordiali saluti