Utente 113XXX
salve,
mio padre di 60 anni avvertiva da giorni forti dolori alla pancia e allo stomaco con stitichezza.Dopo diversi giorni si deciso ad andare in ospedale,dove inizialmente gli hanno diagnosticato un appendicite acuta( aveva i globuli bianchi a 16000).Dopo la cura di antibiotici i globuli sono scesi,ha avuto febbre alta ed è stato sottoposto a una tac con contrasto dalla quale è risultata la presenza di un diverticolo perforato.Ora i medici ci dicono poco se non che la cura sarà lunga,ma mi chiedo è necessario l'intervento o si può curare anche solo con antibiotici e alimentazione?Leggo un pò dovunque che la perforazione rappresenta una complicanza anche grave,allora perchè non viene operato immediatamente?Ci è stato detto solo che devono fare altre indagini.
Chiedo scuse per le tante domande,ma la mia è paura e soprattutto rabbia perchè i medici non sono mai chiari.
Vi ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Pur non potendo entrare nel merito del caso specifico, si puo' dire che in effetti la perforazione di un diverticolo in genere costituisce indicazione a intervento, tuttavia in casi selezionati anche un approccio conservativo puo' essere indicato.Auguri!
[#2] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
Salve dottore,
alla fine mio padre non è stato operato.E' stato curato con degli antibiotici ed è stato dimesso a patto che doveva tornare dopo 10 giorni per eseguire un citoplasma e dopo l' esito di quell' esame avrebbero deciso se operarlo o meno.
Mio padre non fidandosi si è rivolto ad altri due chirurghi che gli hanno assolutamente vietato di sottoporsi a quell' esame (sostenendo che potesse metterlo addirittura in pericolo di vita) e dicendogli che prima di potersi sottoporre a tale esame dovevano passare circa due mesi.
Ora la situazione è questa: dall' uscita dall' ospedale sono passati circa 20 giorni e mio padre da circa 4 giorni ha di nuovo problemi di stitichezza.Abbiamo ricontattato i due chirurghi che sostengono che non ha bisogno del ricovero se non avverte ancora dolori alla pancia e non ha febbre e secondo loro sta sbagliando qualcosa nell' alimentazione.
Allora mi chiedo cosa dovrebbe mangiare più o meno?perchè nessuno è mai chiaro nel spiegarlo.
Lui ora mangia solo pasta con brodino o con sughetto leggero,pesce,carne arrostita,mele cotte o grattuggiate.
Vi chiedo scusa per essere stata così prolissa e vi ringrazio anticipatamente per la risposta.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Non ho capito bene quale esame dovrebbe fare, tuttavia se in effetti si è trattato di un aperforazione di diverticolo, sara' opportuno valutare come suggerito, l' eventuale indicazione ad un intervento chirurgico prima che si verifichi un' altra complicanza. Auguri!
[#4] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
Salve dottore,
mio padre è stato di nuovo male e quindi ricoverato.Dal momento che ora è ricoverato in una clinica privata e non in ospedale come in precedenza,stanno effettuando di nuovo tutti gli esami e siamo in attesa della tac con contrasto per poi decidere se bisogna operare o meno.
A tutto questo si è aggiunta una complicanza,sono stati effettuati i markers per le epatite e mio padre è risultato positivo all epatite a e b,ma da quanto dicono ancora non è stato toccato il fegato.Allora mi chiedo la situazione è grave vero?si può procedere comunque all' operazione? e soprattutto mio padre erano mesi che aveva dolori e crampi alle gambe ma non riusciva a capire a cosa erano dovuti (le analisi che effettuava erano sempre buone),può c' entrare il dolore alle gambe con l' epatite?
E ancora può essere pericoloso per noi che abitiamo con lui?
Grazie mille
[#5] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Il problema emerso non appare connesso a quello noto, cosi' come i dolori alle gambe probabilmente hanno un ' altra causa. In linea di massima non ci sono problemi anche per la convivenza ma pero questo è opportuno sentire il suo medico. Auguri!