Utente 128XXX
gentili dottori è da qualche giorno che il mio cuore batte in maniera troppo veloce..me ne sono accorto facendo attività aerobica con cardifrequenzimetro.
Vado tutti i giorni a camminare mantenendo 115/120 bpm ma da circa una settimana camminando con la solita andatura arrivo addirittura a 150 battiti!!! tra l'altro mi sono accorto che il battito risulta accelerato anche a riposo (circa 100 bpm)..qualche sera fa di notte sentivo il cuore battere così velocemente che mi sono convinto ad andare in pronto soccorso dove mi è stato fatto un ecg e prelievo per gli enzimi..tutto negativo con invito ad esguire ecg secondo holter.
Io ho 33 anni ma soffro da molti anni di ipercolesterolemia quindi il dubbio che mi è sorto è il seguente..è possibile che una eventuale occlusione di qualche vaso con conseguente scarsità di sangue ai tessuti spinga il cuore a pompare più velocemente per far arrivare più sangue? un'altra cosa strana che ho notato è che anche quando camminando i miei battiti sono molto più alti del normale il ritmo respiratorio è stranamente NORMALE!!!! mi chiedo se questo possa essere spiegato dal fatto che sto seguendo una terapia con 150 mg di stanozololo iniettabile a settimana che come sappiamo ha la capacità di aumentare il numero di eritrociti con conseguente miglioramento di trasporto dell'ossigeno..faccio presente che tutti i sintomi sopra riportati sono iniziati dopo circa una settimana da quando ho iniziato stanozololo ma faccio presente anche che non è la prima volta che seguo questo tipo di terapia e le altre volte non ho mai riscontrato questo tipo di problemi quindi non sono sicuro esserne la causa scatenante..non vorrei abbandonare la terapia e le chiedo da cosa secondo voi può dipendere tutto ciò e quali esami eseguire..vi ringarzio anticipatamente per la vostra disponibilità e la vostra immensa cordialità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'utilizzo di steroidi anabolizzanti determina in effetti una serie di modifiche ormonali all'interno dell'organismo tali da poter giustificare una incrementata frequenza cardiaca, soprattutto se negli ultimi tempi è aumentata la sua massa muscolare o si è manifestata una certa ritenzione idrica. Le consiglierei comunque di consultare un medico sportivo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
gentile dottore grazie per la celerità nella risposta..cmq ho iniziato il ciclo di stanozololo solo due settimane fa quindi non cè ancora stato l'effetto da lei riportato e tra l'altro ne uso solo 150 mg a settimana..è una dose irrisoria se consideriamo quello che ho fatto in passato senza mai avere disturbi di questo tipo quindi ne deduco che il problema non abbia origine nell'uso di questo farmaco..comunque domani farò un ecg holter ed un ecg sotto sforzo..lei pensa che questi esami possano mettere in evidenza eventuali problemi cardiaci e/o circolatori? e se il problema fosse nei vasi della testa? pensa sia opportuno eseguire anche un ecocolordoppler dei tronchi sovraortici?
dimenticavo di menzionare che dallo scorso anno soffro di strani e rapidissimi "attacchi di panico"!! questo è ciò che mi hanno diagnosticato al pronto soccorso anche se devo dire che non sono molto convinto della diagnosi..in pratica a volte mi sento come "stringere la testa" e senso di mancamento molto simile all'effetto che si ha quando si annusano quelle colle tipo "bostik"!!
il tutto dura pochi secondi ma è molto spiacevole..mi sembra di svenire da un momento all'altro!! pensa che questo possa avere una qualche correlazione con il problema di battito anormale che le ho spiegato prima..perdoni il disturbo e grazie ancora per la sua disponibilità..cordiali saluti