Utente 156XXX
Buongiorno, considerando che siamo una coppia trentenne sposata e non sterile, ma in più di un anno di tentativi per procreare abbiamo sempre incontrato verie problematiche (ansia da prestazione, diversa sincronia nei tempi dell''orgasmo, bruciore alla vagina durante la penetrazione), è possibile praticare un''inseminazione sotto assistenza, prelevando sperma dal marito e facilitandone l''ingresso nella vagina della moglie? O altrimenti in che modo potremmo facilitare l''inseminazione senza ricorrere a cure farmacologiche o lunghe tera pie, dato che abbiamo già speso un anno in tentativi e vorremmo un figlio al più presto?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

ma è stato fatto almeno un esame del liquido seminale per vedere si ci sono spermatozoi nel suo liquido seminale?

Se non ancora fatto questo è il primo passo da compiere e poi a ruota sentire un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.

Se desidera infine avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia, può leggersi anche l’articolo pubblicato dalla collega Chelo sul nostro sito e visibile all’indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52214.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
La presenza di spermatozoi è nella norma, la mobilità è leggermente bassa, ma dicono che dipenda da una momentanea condizione ipotonica del mio fisico. Ho solo una lieve ipertensione, ma forse dipende dall'ansia da prestazione cui accennavo prima
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

"mobilità leggermente bassa che dipende da una momentanea condizione ipotonica del mio fisico" è una situazione clinica a me nuova".

Se lo desidera ci invii nel dettaglio il suo esame del liquido seminale oppure, meglio ancora, consulti in diretta un reale andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.


Nel frattempo comunque, se desidera avere informazioni più dettagliate sull’utilizzo delle tecniche di riproduzione assistita di secondo livello (così poi anche lei comprendere se può accedere ancora ad una tecnica di inseminazione assistita), le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=87497

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Dopo un anno, ancora senza risultati in termini di successo nella fecondazione, ho ripetuto l'esame del liquido seminale. Le riporto i risultati, confidando in un suo parere. Premetto che l'esame è stato eseguito con ipsazione ed il versamento è stato fatto direttamente in laboratorio, quindi il seme non è stato trasportato da casa.
volume ml 1,1
fluidità completa dopo 19 min.
pH 8
viscosità normale
totale spermatozoi 20,46 milioni
concentrazione spermatozoi 18,6 mil/ml
round cells 9 mil/ml
leucociti 3 mil/ml
forme immature 0,9 mil/ml
altre cellule 5,1 mil/ml
agglutinazione e pseudoagglutinazione assenti
motilità entro 60 min: progressiva 27%, non progressiva 3%, immobili 70%
morfologia normale 6%
anomalie della testa 88%
anomalie collo 1%
anomalie coda 2%
forme con residui citoplasmatici 3%
TZI 1,37
SDI 1,29
Cosa ne pensa?

Riguardo al problema del bruciore, che le segnalavo la volta scorsa, la ginecologa di mia moglie sostiene che non avendo riscontrato in lei alcuna infezione ed avendo riscontrato un esame citologico nella norma, la causa debba essere esterna.
Riguardo alla questione della perdita di erezione per ansia da prestazione, lo specialista mi ha dapprima consigliato la terapia pressoria auricolare, che ha funzionato inizialmente e poi invece ha scemato i suoi effetti, mentre ora mi ha consigliato di utilizzare il cialis. Lei cosa ne pensa di questo farmaco?
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il suo esame sembra mostrare una non perfetta motilità dei suoi spermatozoi.

Detto questo ma che cosa è "la terapia pressoria auricolare"?

Quale andrologo gliela prescritta?

Sul suo problema erettivo e le eventuali strategie terapeutiche la indirizzo a questo link:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Cosa mi dice in merito a quell'88% di anomalie nella testa? E alla concentrazione di leucociti? Secondo lei sono dati anomali? e quali potrebbero essere le cause?
Cosa consiglierebbe per migliorare la motilità degli spermatozoi?
Non posso farle il nome dello specialista che mi ha consigliato la terapia pressoria (ho chiesto un consulto al suo collega che su questo sito si occupa di medicina alternativa e mi ha risposto che è una cura valida), ma comunque si tratta dell'andrologo che mi segue sin dall'inizio.
Quanto al problema erettivo, abbiamo già appurato con lo specialista di cui sopra che la causa è psicologica e non fisiologica, dalle visite eseguite non ha riscontrato problemi fisici nè disfunzioni di natura organica.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sulla sua morfologia poco le posso dire anche perché con le attuali indicazioni date dall'OMS basta il 4% di forme normali, valutate secondo questi parametri precisi e ristretti, per dire che tutto è nella norma; si veda il link:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/925-spermiogramma-fertilita.html.

I leucociti potrebbero indicarci un problema infiammatorio delle vie uro-seminali.

Sulla "terapia pressoria auricolare" invece non so nulla e non credo ci siano lavori o linee guida internazionali in campo andrologico che la consigliano e quindi la rimando, per tale terapia, alle considerazioni e valutazioni che ha fatto il suo andrologo e che spero abbia chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Infine, per darle un accenno sulle numerose e complesse cause che possono dare una dispermia e spiegare forse il suo problema a riprodursi, la rimando agl’articoli sempre pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html .

Un cordiale saluto.