Utente 156XXX
Salve, ho 24 anni e non ho mai avuto nessun problema alla vista, fin'ora.
A febbraio mi sono preso l'influenza intestinale e da allora ho sviluppato una fotofobia fastidiosa, per cui la retroilluminazione dello schermo del pc o la luce troppo forte mi danno abbastanza fastidio.
Il medico curante pensava che gli occhi fossero stanchi per il troppo uso del pc, ma l'oculista due mesi dopo (poichè il problema persisteva), dopo una visita ha detto che avevo "LIEVI NOTE DI CONGIUNTIVITE FOLLICOLARE" e mi ha prescritto il betabioptal in gocce, 3 volte al dì, 1 goccia per 10 giorni. la visita è stata due settimane fa, ho fatto i 10 giorni di betabioptal ma i miei occhi sono uguali, la fotofobia è invariata (e come tecnico informatico non poter guardare un monitor è fastidioso) e gli occhi sono invariati. la sclera è ancora arrossata. e dopo due mesi e mezzo comincio a perdere le speranze. spero qualcuno possa aiutarmi. grazie
[#1] dopo  
46841

Cancellato nel 2010
Carissimo,
nella congiuntivite follicolare si sono appunto centinaia di follicoli costituiti da tessuto linfoide,direattivi eminentemente a d infezioni virali della congiuntiva!
Un caro saluto
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
l'oculista ha detto che anche se avessi visto miglioramenti durante la cura non avrei dovuto interromperla. il problema è che non solo non l'ho interrotta, ma non ci sono state differenze...
non so se acquistare una nuova confezione di betabioptal e farmi altri dieci giorni....