Utente 156XXX
Egr. Dottore,
ho 34 anni e l'anno scorso mi sono ferito al tallone con una struttura di ferro. Al pronto soccorso mi e' stata fatta un'iniezione per l'antitetanica.
Qualche giorno fa' mi si e' infilata una piccola scheggia di legno sul piede.
La scheggia e' stata prontamente tolta e la ferita e' stata disinfettata.
Questo episodio mi ha fatto ricordare la ferita dell'anno scorso e mi e' sorto il dubbio sulla necessita' di ripetere l'antitetanica fatta al pronto soccorso.
Vorrei sapere se e' necessario fare un richiamo dell'antitetanica dopo l'iniezione che viene fatta al pronto soccorso. Grazie.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

presso i pronto soccorso vengono somministrate le immunoglobuline (sostanze immediatamente pronte per una eventuale infezione tetanica), che non necessitano di "richiamo".

questa procedura viceversa deve essere utilizzata quando si esegue un vaccino (sostanza che produce una reazione, produzione di sostanze contro quel determinato agente-per es. il tetano).

solo dopo la prima vaccinazione per poter aumentare il periodo di "copertura" ci si sottopone ad "richiamo".

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
La ringrazio per la celerità e la completezza della risposta.
Credo quindi di essere coperto visto che la scheggia era molto piccola e quindi non crea preoccupazione.
Nel caso precedente della ferita con un pezzo di ferro, mi sembra di capire che l'iniezione di immunoglobuline elimini ogni pericolo.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

per completezza le immunoglobuline raramente posono essere loro stesse portatrici di patologie (epatte, hiv) visto che sono di provenienza umana, per questi motiv prima della somministrazione si richiede un consenso informando il soggetto che dovrà sottoporsi alla somministrazione.

per la vaccinazione non esiste questa problematica.

cordiali saluti