Utente 156XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 24 anni, e da qualche anno saluto l'arrivo della primavera, che la maggior parte delle persone attende con impazienza, con uno stato d'animo non molto diverso dall'angoscia. Con la primavera arrivano i primi caldi, e con i primi caldi si fanno insorabilmente strada una stanchezza ostinata e sofferta, il gonfiore, la pesantezza, la sensazione spiacevolissima di non essere più padrona del mio corpo. E l'ansia. Il cuore che impazzisce e il rischio di svenire non mi fanno più paura, e per i veri e propri cali di pressione il medico mi ha prescritto il Gutron. Ma io mi chiedo : e per tutti gli altri momenti? Non riuscire ad alzarsi dal letto, accorgersi di non riuscire ad affrontare un esame universitario con la necessaria lucidità,la sonnolenza cronica che di notte non si traduce in un sonno ristoratore e finisce per generare altra sonnolenza, un ciclo mestruale -d'inverno assolutamente sopportabile- doloroso e debilitante sono solo alcuni dei malesseri che vivo non senza un senso di umiliazione. Esiste un rimedio veramente efficace? Tornerò mai padrona delle mie facoltà? Mangia un po' di liquirizia, bevi un caffè. Come se bastasse. La pressione bassa è il più sottovalutato dei disturbi. Potessi andare in letargo a maggio. Ma la vita continua. E io non riesco a starle dietro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile utente, ha ragione, la pressione bassa, spesse volte, è presa poco in considerazione.Tralasciando le patologie che possono provocarla ( avrà sicuramente fatto dei controlli), la maggior parte delle volte, apparentemente, non ci sono cause "organiche".Talvolta peggiorano i sintomi a chi è anemico, frequentemente sono più "sensibili" le donne. Possiamo indicarla, come per l'ipertensione "essenziale":ipotensione essenziale, usando un termine forse non "corretto", ma efficace.Ci sono degli accorgimenti durante i periodi caldi: bere molto, magari con integratori di sali minerali, evitare di uscire nelle ore calde e se impossibile cercare di portarsi "nella borsetta" integratori di sali minerali e bere ogni tanto o farmaci che "alzano" i valori pressori.
Cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Pascucci,
la ringrazio per la risposta tanto premurosa : sapere che ci sono medici che considerano la pressione bassa un disturbo vero e proprio -e che sanno capire quale risvolto psicologico possa generare nel paziente, aggiungerei- è di per sè consolatorio. Quando il medico curante, dopo aver accertato che valori pressori tanto bassi non dipendessero da patologia alcuna, mi ha detto : "Sorrida, la pressione bassa in fondo è l'elisir di lunga vita" mi è salita una rabbia triste e rassegnata : oltre al danno di star così male, la beffa di non veder compreso il mio disagio. Essere ascoltata è già qualcosa, davvero. Sicuramente terrò nella borsetta integratori e farmaci, anche se l'impressione è che ancora una volta l'unica vera arma a mia disposizione sia la sopportazione. Sperando che col passare degli anni cambi qualcosa.
[#3] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
4% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile utente, capisco la sua preoccupazione e soprattutto il "sentirsi non capita" per un problema che teoricamente non lo è, ma che può dare "fastidio" e cambiare un pò le abitudini di vita.E' chiaro che per le patologie cardio e cerebro- vascolari, una pressione un pò bassa è positivo e non costituisce un problema ( per valori comunque accettabili).E' chiaro che tal disturbi diventano un problema proprio quando, in estate o con l'inizio della stagione calda, si può essere più liberi, in vacanza al mare ad esempio.Questo però, non deve diventare un problema e lei non si deve identificare in esso.Con il tempo potrà migliorare. Per il momento piccoli accorgimenti, un pò già suggeriti, possono diminuire tale problema.La vita è talvolta un compromesso, uno scendere a patti, spesse volte con se stessi. Affontare con la dovuta attenzione, spensieratezza,ottimismo e con dei piccoli compromessi i quotidiani problemi è un passo importante per tutte le altre cose più difficili.
Cordiali saluti.