Utente 156XXX
gentili dottori, a seguito di una visita cardiologica per ipertensione ho eseguito degli esami diagnostici e sinceramente non ho ben capito cosa ho e a cosa vado incontro.sono un uomo di 57 anni, normo-peso, fumo circa 30 sigarette al giorno e anche se assumo 1 cp per la pressiona al mattino ed 1 a sera, ho la pressione minima sempre intorno ai 100.in attesa di un vostro gradito chiarimento colgo l’occasione per ringraziarvi.
p.s.allego esami con esiti effettuati.
esame ecocardiografico mono-bidimensionale doppler e ecodoppler:camere cardiache di reg.dimensioni parietali nei limiti della norma.non deficit di cinesi parietale segmentaria con funzione sistolica globalmente conservata. lieve ectasia del bulbo aortico e della porzione esplorabile dell’aorta ascendente(40mm) valvola aortica continente. minimo rigurgito mitralico da difetto di coaptazione dei lembi valvolari mitralici. settore dx nella norma per morfologia e cinesi. minimo rigurgito tricuspidalico con paps non derivabile.
---ecd tsa : asse carotideo bilateralmente pervio ed esente da lesioni patologiche della parete tipo placche ulcerate e/o determinanti stenosi di rilievo.ectasia del tratto prossimale della carotide interna sx. flusso delle vertebrali bilateralmente anterogrado e corretto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'esame ecocardiografico cui si è sottoposto è compatibile con un soggetto della sua età, affetto da ipertensione arteriosa non ben controllata, dati i valori diastolici sui 100mmHg. Utile una correzione della terapia farmacologica e "ovviamente" l'abolizione del fumo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio per la risposta e vi aggiorno sulla situazione.
Ho consultato un altro cardiologo,il quale mi ha corretto la terapia farmacologica, mi ha detto che devo stare sotto controllo e mi ha congliato di mettere l'apparecchio per monitorare la pressione. Quando sono andato in reparto a mettere l'apparecchio ne ho parlato con il medico di turno, il quale mi ha detto che la vena puo' scoppiare da un momento all'altro e che non si puo' fare niente in preoposito. Mi chiedo è vero tutto cio'? Dove mi posso rivolgere e si puo' fare qualcosa?
Sono veramente in ansia.
[#3] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Come mai non mi rispondete? Sono in ansia.
[#4] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
egregio dottore, sto' cercando di porre rimedio al mio problema e vi aggiorno sulla situazione. Mi sono recato al Policlinico San Donato Milanese ed ho effettuato un'altra visita cardiologica a seguito della quale il cardio chirurgo mi ha modificato la terapia per la pressione che adesso e' regolare (a volte anche un po' bassa, a causa del caldo)e mi ha consigliato di fare una RM.Dal referto della RM si evidenzia che le dimendioni dell'aorta sono di 4,7mm e mi e' stato spiegato che non e' ancora operabile.Mi chiedo è possibile che in tre mesi le dimensioni siano cosi' aumentate?-Cosa puo' avermi provocato questo? (purtroppo non riesco a togliere il fumo.)Quali sono i rischi che corro e a che dimensioni si opera? Grazie per la disponibilità.
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
spesso l'ecocardiogramma non consente l'esplorazione di tutta l'aorta, ecco perchè è opportuno procedere alla RM, che rivela l'esatta dilatazione aortica. Al momento, non vi sono indicazioni cardiochirurgiche. L'esame, va, ovviamente, ripetuto tra un anno.
Saluti