Utente 151XXX
Salve a tutti.

Ho cercato una richiesta che soddisfi il mio interesse sul sito ma non ho trovato nulla, quindi chiedo direttamente a voi...

Dal titolo penserete che ho un problema a raggiungere l' erezione, ebbene informo che è il contrario. Praticamente, spesso, anche quando non ho voglie sessuali o quando cmq non sto pensando a nulla del genere, mi ritrovo il pene eretto. Ovviamente non è un particolare fastidio, senonché quando ad esempio devo andare in bagno ho problemi ad urinare e devo stare li diversi minuti attendendo che il pene si abbassi...

Un paio di mesi fa ho già fatto una visita all' urologo per via di un dolore al testicolo destro, ma questi, dopo aver effettuato gli esami necessari, non ha diagnosticato nulla se non una (o un) radicolite, dato che ho sempre avuto problemi alla schiena.

Adesso chiedo a voi: questo mio problema erettile, è un derivato fisiologico o sarebbe il caso di rigirare la domanda nella sezione di psicologia?

Colgo l' occasione per chiedere un altro paio di domande (ovviamente, anche se non in prima persona, sono sempre rivolte a titolo personale)...

1. Perché quando si fa sesso con la partner o cmq ci si masturba per un periodo di tempo "tipico" esce lo sperma ben denso, bianco, in quantità e cmq nella norma, mentre se la masturbazione dura da 2 ore a poco più (e le diverse volte che si sta per venire ci si ferma) lo sperma esce molto più acquoso e trasparente? E' normale?

2. Perché, appena dopo eiaculato, non si riesce ad urinare nonostante il bisogno?

Infine una domanda a solo scopo informativo... Se si fa sesso mentre si ha il bisogno di urinare, e visto che da ciò che so il canale maschile di "fuoriuscita" è uno solo, è possibile che le urine (dato che l' ammoniaca a quanto pare uccide gli spermatozoi) interferiscano sulla quantità-qualità dello sperma?

Grazie infinite a tutti coloro che mi risponderanno...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

a 20 anni può essere normale avere erezioni mattutine come le descrive lei.
Masturbarsi per due ore forse costringe la prostata e le vescicole seminali ( gli organi che producono il liquido seminale durante la fase di eccitazione) ad un lavoro "extra" che si può tradurre in variazioni dell'aspetto fisico dello sperma eiaculato.
L'uretra è il canale comune per le urine e lo sperma ma il sistema è stato organizzato ( dal progettista o dai cambiamenti di adattamento) in maniera tale che la fuoriuscita di un liquido non abbia ad alterare l'altro
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Grazie inifinite dottore per i chiarimenti... In ogni caso ho chiesto all' urologo tramite telefonata che siccome appena dopo eiaculato o durante un' erezione prolungata non riesco ad urinare se c' era bisogno di una visita, ma lui ha risposto che è normale... Concorda?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

mi sembra che l'osservazione ricevuta dal suo urologo sia corretta e quindi tranquillo e segua le sue indicazioni.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Grazie infinite per le tranquillizzanti risposte dottori... In ogni caso, dottor Pozza, il mio problema di erezione non è cicronciso solo nelle ore mattutine, ma in alcuni casi mi procura possibili brutte figure. Sa, qualche volta sono in giro e magari d' improvviso mi viene, e sa come è...

In ogni caso nell' ambito fisiologico mi avete tranquillizzato, grazie infinite.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

vista la sua "giovane" età, anche se tutto regolare, approfitti di questo "disturbo" o "malessere", per conoscere, oltre al suo urologo, finalmente, se non ancora fatto, anche il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, già da anni, conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.