Utente 104XXX
Gentili dottori,
mi piacerebbe capire cosa mi succede a volte, dopo mangiato. Solitamente si verifica se mangio fuori casa e se mangio del pesce o molta carne (tipo grigliata); dopo un'ora, forse due, inizio ad avvertire un senso di affaticamento molto forte, i muscoli diventano 'molli', privi di forza, inizio a sudare copiosamente, con una sensazione di 'sudore freddo'. Mi sento tremare e, in effetti, se stendo il braccio la mano trema; mi viene molto sonno e mi sento confusa anche se sono 'presente'; naturalmente il cuore batte velocemente, mi assale una sete tremenda, ma ho nausea. Ora, sono un soggetto ansioso, in cura da specialisti per attacchi di panico e quindi sono portata a pensare si tratti di attacchi d'ansia. Però è anche vero che le sensazioni sono un po' diverse, cioè psicologicamente non sento il terrore panico, ho 'solo' le sensazioni fisiche del malore. Comunque, queste 'crisi' non durano moltissimo: devo sedermi, se sono per strada, e quando mi riprendo un po' bevo dell'acqua e mangio qualcosa e sto meglio.
E' possibile possa dipendere dal pesce, o dalle proteine, o dall'olio? Chiedo questo, perché appunto mi succede quando mangio fuori casa e dunque mangio cibi diversi dal solito, soprattutto nelle quantità. A casa abitualmente mangio pasta, verdure e formaggi; la carne o il pesce una o due volta alla settimana.
Vi ringrazio e mi scuso se ho inviato la mia domanda nella sezione sbagliata.
Cordialmente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Fabiana Contri
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Buongiorno signora, provi a parlare di questi sintomi con il suo medico corunte, in modo tale possa prescriverle un controllo metabolico approfondito, con emocromo, ma soprattutto glicemia, emoglobina glicata, ed eventualmente anche un'insulinemia, se da questi esami dovesse risultare qualcosa di strano può poi approfondire il suo quadro metabolico con una curva insulinemica, un curva glicemica dopo carico orale di glucosio (OGTT) ed eventualmente un'emoglobina glicosilata.

più semplicemente se ne ha la possibilità quando ha tali sintomi, sarebbe interessante poter eventualmente fare uno stick glicemico del glucosio nel sangue, per vendere se questi possano essere dovuti ad una sorta di ipoglicemia (calo di zuccheri nel sangue) che spiegherebbe i sintomi soprattutto quando mangia fuori, sia perchè mangia di meno, ma soprattutto perchè eventualemnte stando fuori casa si muove molto di più dopo aver mangiato.

distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta.
Vorrei precisare una cosa però: quando mangio fuori casa (cosa che non capita molto spesso), mangio molto di più e non di meno. Abitualmente, a casa, a pranzo mangio una pastasciutta e un'insalatina a cena della verdura cotta con formaggio o uova.
Finora dagli esami del sangue eseguiti per controlli vari, la glicemia era sempre nei parametri. Ho 39 anni, sono alta 170cm e peso 63 kg.
Ne parlerò senz'altro con il mio medico curante.
Cordialmente.