Utente 146XXX
Vorrei un’informazione, ho visto una puntata di Le Iene e seguendo l'intervista di prof. Montagnier elenca questi modi di trasmissione dell'AIDS:
- starnuto bisogna stare attenti
- usando lo stesso spazzolino se fa sanguinare le gengive
-usando la stessa siringa
-con un bacio profondo
-con penetrazione
-fellatio anche senza contato con lo sperma
-leccando la vagina se è presente un’infezione vaginale

Subito ha però replicato la presidentessa di LILA Alessandra Cerioli, che non concorda con il prof. Montagnier e contesta queste affermazioni:
-assolutamente non si trasmette con lo starnuto
-nessun caso documentato attraverso lo spazzolino
-assolutamente non si trasmette con bacio
-rischio solo teorico leccando la vagina, rischio reale solo con mestruazioni
-fellatio solo a contato con lo sperma, in quando nel liquido pre-spermatico non ci sono un numero di virus tali da infettare una persona

La mia domanda è questa, chi ha fatto dei due una migliore informazione? In me ha generato solo confusione sui metodi di trasmissione, potreste chiarirmeli? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
VALENZA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
il virus può, teoricamente essere eliminato con qualsiasi secrezione organica, per cui se ci si viene in contatto, in linea teorica, presenti condizioni predisponenti come delle lesioni anche microscopiche, ci si potrebbe infettare.
In pratica poi le cose sono un pò diverse, perchè, col bacio è molto difficile la trasmissione. Ma quel che non capisco, è la necessità che ha lei di regole precisissime: io non credo che sia un grosso problema che tipo di pratica sessuale o pr quanti centimetri la posso fare: a bisogni così precisi è impossibile rispondere. Quello che conta che ci sono tutta una serie di comportamenti a rischio che si possono prevenire con l'uso di un semplice profilattico o non usando uno spazzolino di altri, che mi sembrANo delle precauzioni del tutto sensate e facilmente applicabili, non sapere per quanti centimetri poso praticare una fellatio e fino a che punto, che mi sembra un discorso francamente insensaTo. Conosco parecchi sieropositivi per HIV che riescono, a parte le varie terapie ed i controlli cui devono necessariamente sottoporsi, a fare una vita tuto sommato normale nell'ambito delle proprie famiglie, anche da un punto di vista sessuale, ma se parlasse con loro e le ponesse i suoi dubbi credo soriderebbero e le risponderebbero che quelle che adottano sono delle normali precauzioni igieniche, tutto qui.
In conclusione, ritengo che non sia importante sapere quanti centimetri di mucosa leccare, piuttosto quali sono le regole generali che mi permetono di non contagiarmi con l'HIV, tutto qui.
Buona giornata

Mocci
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore della risposta, comunque non mi interessava quanti centimetri leccare, ero solo curioso su chi aveva ragione.....la presidentessa del LILA ha corretto un premio Nobel, così a naso potevo dire ma prof. Montagnier è più titolato quindi avrà ragione lui però considerando riduttivo basarmi sul titolo di studio ho detto posto la domanda in Medicitalia che non saranno premi Nobel ma mi potranno chiarire le idee sui metodi di trasmissione, poiché Le Iene hanno voluto fare un informazione sull’ AIDS però hanno generato solo confusione perché due esponenti hanno parlato e due esponenti hanno detto cose diverse. Spero di aver chiarito il suo dubbio di che me ne facessi di regole precisissime, in sintesi per curiosità intellettuale.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
VALENZA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Le chiedo allora, scusa per avere equivocato le sue intenzioni, ma, nel dare le informazioni, ho sempre paura che il paziente sottovaluti il problema o ascolti della spiegazione solo ciò che gli fa comodo, ingenerando così una specie di legittimazione a comportamenti assolutamente a rischio. Non potendola guardare negli occhi ho dovuto rispondere come fossi davanti ad unna persona in cerca, appunto, di legittimazioni o regole precise. Purtroppo, pur essendo, per certi versi, una macchina, il corpo umano non è una macchina precisa, per cui certi tipi di regole è meglio non verificarle tastandone il limite.
Se le cose stanno come ha detto lei direi che le Iene hanno fatto casino più che informazione, più che bene danno.
E se comunque il mio atteggiamento la ha offesa, spero mi ritenga scusato per quanto ho cercato di spiegarle.

Un buona giornata

Mocci