Utente 117XXX
Buongiorno, volevo gentilmente chiedere una valutazione su quello che mi è successo. L'anno passato nel mese di maggio sono stato sottoposto ad angioplastica con l'inserimento di uno stent medicato dovuta alla stenosi dell'arteria discendente anteriore. Buono il risultato angiografico, tutt'ora sono sottoposto a terapia antiaggregante con PLAVIX 75, CARDIOASPIRINA100, TORVAST40. Ho eseguito proprio ieri il test da sforzo Ecg da sforzo di controllo e purtroppo non è risultato negativo. Nello stesso punto si è verificato ancora una leggera positività del tracciato, molto minore e durante uno sforzo maggiore rispetto a l'anno passato. Il cardiologo che mi ha eseguito l'angioplastica (dopo aver rivisto l'intervento fatto da lui) mi ha tranquillizzato e mi ha consigliato e prescritto di fare una scintigrafia. La mia paura è quella di dover rifare la coranografia, e mi chiedo se è possibile che nello stesso punto ci possano essere ancora delle stenosi o che lo stent si sia chiuso? Da un anno a tutt'oggi ho smesso di fumare, eseguo con scrupolo la terapia e faccio sport..la ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
l'esecuzione dell'esame che Le ha consigliato il collega (scintigrafia) ha proprio lo scopo di rispondere alla Sua domanda: l'ECG da sforzo nel Suo caso è risultato "dubbio" per cui si rende necessario un approfondimento. Spesso, infatti, questo esame va integrato con la metodica nucleare per la possibilità di "falsi positivi".
Tenga presente, comunque, che il raggiungimento di un carico di lavoro elevato (però nel Suo quesito Lei non lo ha precisato) in assenza di sintomi significativi, ancorchè accompagnato da modifiche elettrocardiografiche, rende di per sè meno probabile la presenza di ischemia inducibile.
Si sottoponga dunque con fiducia all'esame prescritto, continuando assiduamente la terapia e lo stile di vita attuale.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta.
Per quanto riguarda lo sforzo (mi scusi se magari non li scrivo correttamente) a 180w il valore è di -1,20 contro i -2,40 dell'anno passato, e l'inizio della positività ha iniziato a 140w e non a 100w (come l'anno passato), ribadisco senza alcun dolore.
Il cardiologo dopo aver confrontato i due referti mi ha tranquillizzato spiegandomi che può succedere di avere questo tipo di positività nella stessa zona dove è stata effettuata l'angioplastica. Secondo lui probabilmente devo solo cambiare leggermente terapia senza dovermi sottoporre ad un altra coranografia.
Speriamo che la scintigrafia dia ragione al cardiologo!!
Grazie ancora per la cortese attenzione, saluti
Pierluigi
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Sono assolutamente d'accordo con quanto Le ha detto il collega.
Aggiungo, come ulteriore elemento favorevole, che il carico di lavoro raggiunto è effettivamente abbastanza elevato.
E' quindi molto probabile che la scintigrafia confermerà la nostra ottimistica previsione.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Dottore grazie mille...molte volte bisogna anche essere capaci di trasmettere fiducia e ottimismo alle persone con dei problemi di salute, e questo purtroppo non lo riscontro in tutti i suoi colleghi.
Grazie ancora, cordiali saluti
Pierluigi
[#5] dopo  
Utente 117XXX

Iscritto dal 2009
Dottore grazie mille...molte volte bisogna anche essere capaci di trasmettere fiducia e ottimismo alle persone con dei problemi di salute, e questo purtroppo non lo riscontro in tutti i suoi colleghi.
Grazie ancora, cordiali saluti
Pierluigi