Utente 549XXX
gentile dottore hi una cosa da chiedere spero mi possa rispondere e aiutarmi ciò che devo fare... mio marito ha 30 anni, è in sovrappeso... da circa 3 mesi soffre di episodi di ipoglicemia, anche dopo un pasto controllato non le sale mai sopra i 75... ha avuto cali fino a 50... Ho prenotato un consilto dal diabetologo ma ci ha mandati via dicendo che non è compito suo e che dobbiamo ricarci da un endocrinologo... i tempi di attesa sono di circa 2 mesi per effettuare una visita, mi consiglia di recarmi da un privato?... mio marito fa unso da febbraio tutte le sere di un antistamiico chiamato TELFAST 180, potrebbe questo tipo di farmaco che ogni anno assume da febbraio a fine maggio scombussolare la glicemia?? sono molto spaventata, a chi devo rivolgermi per fare in fretta? mio marito fa un lavoro dove è costretto a fare lunghi digiuni, potrebbe essere questa la causa??spero mi risponda presto

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Fabiana Contri
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Salve signora, allora sicuramente dovrebbe andare da un endocrinologo, meglio magari se prima di andare si fa segnare dal suo medico di base alcune analisi che lo specialista può già valutare (coem ad esempio un emocromo, una glicemia basale, un'emoglobina glicosilata, una curva da carico di Glucosio (OGTT) un'insulinemia basale ed eventualemnte anche una curva insulinemica.
Un pò strano mi è sembrato comunque il comportamento del collega diabetologo ...mha!
Nel frattempo le posso comunque dire che difficilmente l'antistaminico può interferire con la glicemia,il suo compito è quello di modulare le cellule immunitarie, e questo poco ha a che fare con il metabolismo dell'equilibrio glicemico ed insulinemico.
Sicuramente ci sono degli studi che mettono in evidenza che gli antistaminici possono causare aumenti di peso e quindi indirettamente questo causerebbe un'insulino resistenza che a sua volta può dare sintomi di ipoglicemie reattive, ma sono cose da valutare con un endocrinologo.
Certamente i lunghi digiuni non aiutano suo marito nello stabilizzare la glicemia, e non rientra assolutamente in uno stile di vita sano.

A presto