Utente 157XXX
salve a tutti ho 18 anni
da qualche tempo, dopo un rapporto sessuale mi capita molto spesso che lo sperma sia giallognolo, non fluido e che presenti dei grumi gelatinosi...
la mia attività sessuale è abbastanza intensa (3 o 4 volte a settimana)
non so cosa fare e mi sento anche abbastanza in ansia nel sospetto che sia qualcosa di grave
p.s. non ho dolori all'inguine ne ai testicoli
grazie mille in anticipo per l'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

entro 5 minuti dall’eiaculazione lo sperma umano coagula per assumere l’aspetto di una gelatina semisolida; questo processo, che serve a “fermare” il liquido seminale e gli spermatozoi a livello della vagina, è dovuto alle varie “sostanze” contenute nelle secrezioni di origine dalle vescicole seminali.

Entro 10-20 minuti poi il tutto si trasforma in un liquido viscoso per un processo di liquefazione che invece è legato soprattutto alle “sostanze” contenute nella frazione dell’eiaculato che proviene dalla prostata e dalle ghiandole del Cowper.

A volte, ma non sempre, questi coaguli e queste alterazioni della "coagulazione" ci indicano un problema a livello prostato-vescicolare ma la certezza l'abbiamo solo dopo una attenta valutazione clinica diretta ed un esame completo del liquido seminale con eventuali valutazioni colturali.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio della risposta
il problema è che appena dopo l'eiaculazione lo sperma ha già quell'aspetto, e prima di uno o 2 mesi fa non mi era mai capitato
grazie mille in anticipo
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

penso che sia ora giunto il momento di consultare in diretta un esperto andrologo.

Solo in questo modo sarà possibile formulare una corretta ipotesi diagnostica e poi le eventuali indicazioni terapeutiche.

Un cordiale saluto.