Utente 777XXX
Nel mese di gennaio sono stata colpita da una terribile orticaria in tutto il corpo, tranne nel viso. L'allergologo mi ha sottoposto a ogni genere di controlli (compresi i test allergologici),senza esito. Tutto è a posto (mi aveva avvisata comunque che quasi mai si riesce a trovare la causa di queste eruzioni). Mi ha curata con un ciclo di antistaminici che hanno piano piano debellato il problema. Da allora però ho periodiche piccole eruzioni che si presentano in zone diverse, durano tre/quattro ore e regrediscono. Il mio dubbio è che questa sorta di reazione autoimmune del mio corpo possa ostacolare l'attecchimento di embrioni, visto che sono purtroppo coinvolta nel mondo "fecondazione assistita". L'ultima volta durante il post transfer ho avuto queste piccole manifestazioni, specie sulle labbra (mi svegliavo col labbro gonfio, che si sgonfiava da sè dopo qualche ora).
Oggi per esempio ho i palmi delle mani rossi e doloranti come appunto per un'allergia (questo sintomo è la prima volta che si presenta).
Dovendo ora fare un nuovo tentativo vorrei sapere se è il caso di iniziare ad assumere del cortisone, che potrebbe limitare questi problemi e aiutare l'attecchimento, evitando magari reazioni autoimmuni del mio corpo.
Segnalo che tra i tanti esami fatti per la fecondazione ci sono tutti gli anticorpi (anticardiolipina, antifosfolipidi, antidna, antinucleo, eccetera) che sono risultati tutti negativi (come in generale tutti gli altri, ho tutti i valori nella norma) e che prima dell'episodio di gennaio scorso non avevo MAI avuto problemi di questo tipo.
Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera,
è noto che la terapia ormonale altera in qualche modo gli equilibri del sistema immunitario. Non ci si stupisce quindi se nel Suo caso specifico la cura per la fecondazione assistita tende a peggiorare l'orticaria.
Deve essere il Suo allergologo, in base al quadro clinico e di concerto con il ginecologo, a stabilire se e in che modo deve assumere farmaci per il problema cutaneo.
L'orticaria è una patologia limitata alla cute (e, talora, alle mucose), pertanto non dovrebbe comportare di per sé un rischio maggiore di fallimento della fecondazione.
Cordiali saluti,