Utente 345XXX
Dall'età di 19 anni soffro di forti dolori inguinali con conseguente dolorazione dei testicoli. Il dolore va e viene durante l'arco dell'anno senza cadenze fisse. Da allora ho effettuato diverse visite specialistiche (chirurgia, urologia, etc.) che per una decina d'anni non hanno individuato la fonte del problema. Nel 2000 il mio medico curante mi ha fatto eseguire una ecografia all'inguine ed ai testicoli da uno specialista che ha rilevato un ernia inguinale. Una successiva eco color doppler (credo si chiami così) del medesimo specialista ha ritrattato la diagnosi precedente. Nel /2000/2001 poichè vi erano difficoltà di mia moglie a restare in cinta, il medico curante mi ha inviato da un andrologo che mi fatto eseguire un esame allo sperma che è risultato con valori nella norma (siamo poi riusciti ad avere un bimbo nato nel 2001). Negli ultimi sei mesi ho anche notato un sensibile diminzione della quantità di sperma prodotto.
Praticamente dal 1985 convivo con questi forti dolori (simili a quelli di una spallonata durante una partita di calcio per intenderci) che vengono trattati con Orudis 200mg della Retard l'unico faramco che si è rivelato utile a placare il dolore.
Avete qualche consiglio da darmi perchè ormai le ho provate un po' tutte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente,
consiglio in primo luogo una visita urologica, cmq penso che lei abbia una prostatite, che va trattata nella fase acuta con antiinfiamatori però vanno eliminate le cause che la scatrenano
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Concordo con il collega
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2007
Ritenterò ancora con la visita urologica, anche se in questi anni ne ho eseguite diverse e tutte senza nessun risultato.
Ma dopo tutto questo tempo esiste la possibilità di risolvere il problema o dovrò continuare a convivere con questa cosa. Non parlo di abituarmi alla convivenza perchè dopo quasi 22 anni ormai, come si suol dire, ci ho fatto il callo....