Utente 157XXX
Buongiorno dottori.

Ho fatto un tampone balanoprepuzioale a causa di un arrossamento del glande e prepuzio con puntini rossi sul glande.
Il risultato è stato Citrobacter koseri.

Premetto che l'arrossamento al glande è comparso la prima volta dopo terapia antibiotica post-intervento chirurgico. Quando si presentò il dottore mi fece semplicemente lavare con acqua e bicarbonato e tutto passò.

Sono però un paio di volte che, soprattutto nei periodi di frequenti rapporti con mia moglie, forse per troppo sfregamento, il rossore si ripresenta ed ho per questo deciso di fare il tampone.
Ora tutto è tornato a posto da solo nel giro di 6 giorni, quindi vorrei sapere se è necessario fare la terapia antibiotica (in base all'antibiogramma allegato al referto). Visto che i problemi sono stati causati proprio dall'antibiotico, che a detta del medico mi ha scombussolato la flora batterica, sono un pò preoccupato a dover prendere di nuovo antibiotici (anche perché il medico stesso mi ha detto che gli antibiotici possono causare spesso questi effetti collaterali, tra cui molto spesso la candida).

Volevo chiedere perciò:
questo citrobacter passa da solo (curando ad esempio l'igiene intima)?
può dare conseguenze sull'apparato genitale se non faccio terapia antibiotica?
poso averlo trasmesso a mia moglie, o la sua flora vaginale funge da barriera per la colonizzazione?
e, in particolare, anche mia moglie dovrà fare la terapia antibiotica (lei non ha sintomi è sta benissimo)?

Sono in particolare preoccupato per mia moglie, perché non vorrei che l'antibiotico le faccia venire la candida (scusate, ma il medico di famiglia mi ha messo abbastanza paura).

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le donne hanno molto speso una vaginite,anche da candida,
favorita dai cambiamenti ormonali legati al ciclo mestruale.Una balanopostite va sempre diagnosticata ed,in caso positivo,e' necessario che venga specificata la carica batterica dell'eventuale agente eziologico.In tutti i casi,la terapia va seguita in coppia,per evitare il reciproco contagio.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 157XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la risposta, seguirò i suoi consigli.
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Normalmente queste problematiche insorgono per infezioni dette "a ping-pong" ovvero trasmesse dalla donna all'uomo e viceversa per non completa guarigione, o per maggiore sensibilità dell'uno o dell'altra al singolo germe o a più germi. In questi casi è opportuna oltre ad una accurata igiene locale anche una terapia di profilassi. Dunque le siggerisco di consultare un colloega urologo per affrontare il problema assieme.