Utente 430XXX
Salve,
sono una donna di 32 anni, ho avuto una normale e lieve forma di acne durante l'adolescenza, che è andata scemando con il tempo, ma che tutt'ora persiste, seppur in forma lieve.
La dermatologa che mi ha visitato mi ha detto che si tratta di una forma adulta di acne, ho fatto una cura antibiotica e adesso riesco a gestirla abbastanza bene con cure topiche.

Il mio problema però è il seguente: questa continua presenza di brufoli, seppur non invadentissimi, ma costanti nel tempo, una volta scomparsi mi lasciano su schiena, spalle e torace delle piccole macchioline bianche, come se ci fosse carenza melaninica.
Solo alcune(soprattuto nell'area toracica), sono diventate come piccoli cheloidi bianchi.

D'estate prendendo il sole, le macchioline bianche si omogeneizzano quasi completamente al colore del resto della pelle, i cheloidi restano spessi, succede la stessa cosa. E' proprio come se ci fosse carenza di melanina che viene reintegrata dall'esposizione al sole.
La dermatologa escluse la possibilità che si trattasse di un fungo e
mi disse invece che erano esiti cicatriziali da acne, dandomi poche speranze. Poi non mi sono più informata.

Dato che l'ultimo consulto dermatologico risale a qualche anno fa, mi chiedevo se nel frattempo fossero state sviluppate nuove tecniche per omogeneizzare il colore della mia pelle. So che ci sono trattamenti laser per le cicatrici profonde (quelle a cratere) da acne, ma non ho trovato alcun riscontro per questo tipo di macchioline bianche.

Ringrazio tutti anticipatamente per la cortese attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Fabiana Riccardi
20% attività
4% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2009
Gentile signora
quelli che descrive sembrano essere esiti ipopigmentari postinfiammatori. L'infiammazione della cute infatti in alcuni casi determina una riduzione e non un'accentuazione della pigmentazione.
La ripigmentazione che si verifica durante il periodo estivo potrebbe giovarsi di un trattamento ciclico con Fototerapia UVB a banda stretta da affettuare presso strutture dermatologiche abilitate nel periodo invernale.
Per quanto riguarda la terapia dei piccoli esiti cicatriziali andrebbe valutata in base al dato clinico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2005
Gent.ma Dott.ssa Riccardi,
la ringrazio molto per l'attenzione.

Non avevo mai sentito parlare di questa Fototerapia UVB a banda stretta, cercherò di informarmi più approfonditamente.

Grazie mille