Utente 699XXX
Gentili dottori, mi rivolgo a voi per avere un parere/chiarimento in merito al mio disturbo.
Ho notato, negli ultimi 12-18 mesi, che l'erezione, un tempo rigida, attualmente è decisamente molto scarsa rispetto a prima, noto meno vigore e ciò non è dettato da una condizione psicologica dato che il problema è visibile ad occhio in primis da me e poi dalle mie partners.
Difatti, mi accorgo proprio mentre sto avendo l'erezione di una sorta di "reflusso" di sangue il quale anzichè restare nel pene è come se refluisse all'indietro, costringendomi a mantenere l'erezione stimolandomi manualmente.
Noto, soprattutto, che il glande è la parte che meno si "gonfia" rispetto al resto del pene (a differenza di prima) e quindi essendo la parte anche più sensibile non provo più piacere come prima.
Inoltre non riesco ad avere più di un rapporto, dato che una volta eiaculato è come se il mio pene deponesse le armi.
Devo anche dire che nell'ultimo periodo che vi ho sopra indicato, ho sottoposto il pene a "stress" continui (masturbazioni eccessive e di lunga durata, rapporti molto frequenti) che magari hanno potuto incidere negativamente sulla resistenza vascolare dello stesso, dico ciò perchè quando sto a "riposo" almeno una settimana noto che l'erezione migliora.
In ultimo, aggiungo che mi è stata diagnosticata una varicocele di 3° grado.
Vi chiedo quindi a quale tipo di esame sottopormi onde scoprire l'effettiva causa di tale peggioramento e se la varicocele può incidere, seppur in piccola misura, sull'erezione.
Nel ringraziarvi anticipatamente, vi porgo i miei più cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

non faccia correlazioni tra patologie che difficilmente hanno una relazione diretta.

A questo punto non pensi a che tipo di esami dovrà sottoporsi ma il primo passo, come forse gli è già stato detto in precedente richiesta, è quello di sentire in diretta un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

molto frequentemente soggetti affetti da varicocele "patologia del sistema venoso" lamentano difficoltà a conseguire una rigidità ottimale del pene o a mantenerla tanto da poter penetrare ed avere un rapporto soddisfacente come capita a pazienti affetti da Disfunzione veno Occlusiva Cavernosa (qualche informazione su www.erezione.org).
ne parli con uno specialista . Ci possono essere soluzioni soddisfacenti
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque, fatta la valutazione andrologica, ci tenga aggiornati sulle conclusioni diagnostiche e sulle indicazioni terapeutiche che le saranno date.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 699XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimi Dottori, innanzi tutto vi ringrazio per i vostri interventi nonchè per l'attenzione posta sul mio caso.
Vi terrò aggiornati sui risultati che ne usciranno fuori, magari è un piccolo problemino che potrebbe risolversi con piccole accortezze.
ancora un cordiale saluto
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Coraggio e ci sappia dire!

Se lo desidera, ci aggiorni!