Utente 713XXX
Salve,
per prolasso valvola mitrale dovro' prendere un antibiotico,mi e' stato pescritto dal dentista un antibiotico con principio attivo dell' amoxicillina,
il problema e' questo,due anni fa dopo aver preso una pastiglia di zimox per un ascesso,sono stata male per 24 ore,con forti crampi allo stomaco che mi facevano contorcere,vomito di bile continuata per ore...mi sentivo proprio spremere le viscere!
Premesso che avevo preso il farmaco a stomaco vuoto,adesso chiedo se questo e' un effetto collatarele o un allergia un intolleranza o altro?!

Da tenere conto che un 8 anni fa ho subito un intervento chirurgico dove mi e' stata fatta la profilassi e chiedendo in questi giorni ad un medico mi e' stato detto che di solito negli ospedali usano l'amoxicillina (anche se ovviamente non ho conferma)

La mia domanda e' se posso provare a riprendere questa categoria di farmaci senza preoccuparmi e magari a farlo a stomaco pieno o non prenderlo perche' potrei avere avuto un "sintomo" di allergia?

Un ultima cosa,esiste un antibiotico che se pur con i suoi effetti collaterali che hanno tutti e' piu sicuro di altri?

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile signora,
le manifestazioni gastroenteriche isolate (quindi senza altri sintomi) e non immediate (cioè ad oltre 1h di distanza dall'assunzione del farmaco, dato non precisato nella Sua esposizione) non sono da considerare a genesi allergica. Generalmente compaiono durante il ciclo terapeutico e non dopo l'assunzione di una singola dose, seppur a stomaco vuoto: pertanto verrebbe da chiedere se soffre già di problemi gastrici, che potrebbero avere subìto in quell'occasione un insulto tale da provocare quanto riferito (e in tal caso ovviamente dovrebbe curare lo stomaco, altrimenti rischierebbe il dolore addominale e il vomito con qualsiasi antibiotico).
Ad ogni modo, se il timore di un'allergia persiste, può decidere di eseguire test per confermare l'assenza di una sensibilizzazione allergica (ma non è che può richiedere test ogni volta che deve prendere un antibiotico! si tratta di procedure lunghe e spesso con liste d'attesa scoraggianti).
Last but not least: è da considerare il fatto che in ogni caso, anche se non si è trattato di una forma allergica, ha presentato sintomi impegnativi, che (se dovessero comparire anche a stomaco pieno) controindicano comunque l'assunzione dell'amoxicillina. Non è possibile in alcun modo prevedere la capacità di tolleranza gastrica ad altri antibiotici della stessa famiglia e di famiglie diverse.
Cordialmente,