Utente 126XXX
buonasera dottori
scrivo per mio padre 51 anni fumatore da circa 30 anni (circa 15 sigarette al giorno) è soffre di pressione alta adesso sottocontrollo grazie a tenoretic 100 mg
volevamo dei chiarimenti in merito ad un referto ecocolordoppler dei tronchi sovraortici:
esaminati gli assi carotidei e succlavio vertebrali, bilateralmente

imt alla carotide comune prebulbare 1,1 mma dx; 1,1 mm a sx

riscontro di ispessimenti focali e sottili depositi parietali iperecogeni alla biforcazione dx e di placche iso-iperecogene alla biforcazione-origine carotidea interna, con stenosi (rif. nascet)del 20%ca. a sx.

reperti color-doppler e doppler pw con flusso turbolento e velocimetrie coerenti con i reperti morfologici.

a. vertebrale pervia e con flusso normodiretto, bilateralmente.
tronco anonimo distale e a.succlavie indenni da lesioni stenosanti emodinamicamente significative.

conclusioni
scleroateromasia delle biforcazioni carotidee,con stenosi priva di valenza emodinamica (<=50%)all'origine della carotide interna sinistra.

volevo inoltre aggiungere che ha anche un isolata ectasia del bulbo aortico(43mm)
esami ematici (prescritti dal suo cardiologo) tutti regolari

la domanda che volevamo porvi è la seguente:
dato che il cardiologo che lo sta seguendo ha detto che deve fare attenzione ad alimenti molto grassi e che deve evitare il fumo

noi volevamo sapere (se è possibile) quali alimenti sono da evitare dato che il suo cardiologo è stato un po' evasivo a questa domanda

e se sarebbe opportuno fare altri accertamenti

infinitamente vi ringrazio
cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
gentile utente,

il quadro che lei ha riportato riferito a suo padre potrebbe essere solo compatibile a persona dedita al vizio del fumo da oltre 30 anni.

l'ipertensione, l'ispessimento intimale, la dilatazione bulbare però potrebbero essere derivate inoltre o potrebbero essersi associate al problema precedente.

se il suo cardiologo da voi definito evasivo vi ha consigliato di evitare cibi grassi, verosimilmente ha il sospetto o una certezza se sono state eseguite delle indagini di laboratorio come ale analisi del sangue in cui erano state riscontrate delle mofificazioni in senso patologico degli indici relativi al metabolismo dei grassi.

credo che le sano noti i limiti di una valutazione a distanza, qunidi le consiglierei pertanto di rivolgersi al suo medico curante in modo da valutare l'opportunità di ripetere o eseguire queste analisi, in base a queste ed ai risultati valutare in base all'esperienza del collega se è opportuno limitarsi alla dieta ed anche alla riduzione nel tentativo della sospensione dal fumo (che comporta non solo disturbi respiratori ma anche metabolici e pressori) o se associare anche terapie specifche.

mi tenga informato

cordiali saluti