Utente 152XXX
Gentili dottori,

sono un ragazzo di 23 anni, magro, alto 1.75 m; il mio pene peró a mio avviso é molto piccolo, misurando appena 12,5-13 cm in erezione. Poiché so che non crescerá piú (e vedendo che tutti i miei amici hanno un pene molto piú lungo del mio), mi domandavo se esistevano metodi validi per l'allungamento del pene, anche di pochi cm (in primis i metodi naturali, come il jelq, anche se come ho letto danno risultati solo dopo un po' di tempo).
Inoltre fino a 18 anni ero in sovrappeso: puó aver questo causato una ridotta crescita del pene stesso?
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
http://www.medicitalia.it/consulti/Urologia/137989/Perdita-di-erezione-assoluta-e-bruciore
Caro signore,ùche ne è del precedente problema?
Il suo pene è normale, se non le va bene questa normalità e desidera allunganmnt lasci perdere quelle stupidaggini di jelq e il fai da te. Tanto per essere chiari fin da subito.
Pertanto prima bisogna valutare se è necessario ed utile farlo: con consulenza andrologica e psicologica, per vedere di non cascare in problemi alla michael jackson, morto per la troppo chirurgia plastica. Inoltre il desiderio di pene più grande può mascherara problemi psicologici complessi, che il fai da te inasprisce solo. Il sovrappeso non c' entra.
[#2] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
Salve,

il problema che avevo è sparito definitivamente (per fortuna) e in effetti trattavasi di stress accumulato, mancanza di svaghi, troppo lavoro e poche ore di sonno.
Che il mio pene rientri negli standard ero già a conoscenza, anche se effettivamente tutti gli altri che ho visto (essendo bisessuale) erano più "consistenti".
Credo di non avere questi gravi disagi psicologici di cui mi parla, anche perchè è da anni che conosco le dimensioni del mio pene e non mi sono mai creato particolari paranoie.
A volte però mi è capitato di essere stato oggetto di scherzi (sebbene bonariamente) e avendo letto dell'esistenza di queste tecniche mi chiedevo se avessero una loro fondatezza (leggendo anche esperienze altrui, che però possono essere veritiere come meno).
Come lei sa non è sempre piacevole essere nella parte bassa della classifica, anche se sono a conoscenza che dal punto di vista fisiologico "lavora" perfettamente.
Certamente è ancora lontano il giorno in cui richiederò una consulenza per un intervento chirurgico; al contrario questa sorta di massaggio non mi pareva particolarmente dannosa (anche se come mi ha appena spiegato inutile).
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non le pareva: e la delusione dove la mette? E il circolo vizioso (non ho massaggiato bene) dove lo mette? Lasci stare. Chi propagnada quella roba è un bandito. Scusi ma questi post vengono letti dal pubblico e devo anche pensare a loro scrivendo. Buone cose.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
la funzionalità del pene, non è affatto correlata alla dimensione.
Se desiderio, fase eccitatoria( erezione ) e fase orgasmica, sono adeguate e funzionanti, forse dovrebbe chiedersi perchè necessita di un pene più imponente.
La sessualità non è una maratona e, credo non ci sia una classifica,forse l'essere bisessuale la porta a vivere esperienze moltiple, dove il confronto è d'obbligo.
Ascolti il Dr.Cavallini,riappacificandosi con il suo pene, visto che è funzionante e le gerentisce una vita sessuale soddisfacente ed appagante.
Un caro saluto.



www.valeriarandone.it
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=95069

Un cordiale saluto.