Utente 158XXX
Salve, ho 28 anni e sono ormai 5 anni che ho subito un intervento (al policlinico umberto 1 di Roma) a causa di una frattura del pavimento orbitario sinistro. L'intervento è andato bene e la diplopia inizialmente forte è andata via via riducendosi quasi fino a scomparire. Purtroppo però esteticamente, per quanto mi si viene detto che si nota poco, non riesco a non vedere il "difetto". La cicatrice sotto l'occhio sinistro non mi consente un movimento uguale tra le due guance; quando rido, ad esempio, la parte destra del viso si "rialza" più della parte sinistra; cioè, all'altezza della cicatrice è come se si formasse una concavità che ostacola in qualche modo che la guancia sinistra si "sollevi" come la guancia destra. Inoltre, il punto in cui escono le lacrime è leggermente più aperto nell'occhio sinistro che nel destro; cioè l'angolo interno dell'occhio sinistro è leggermente più grande di quello dell'occhio destro. Ho parlato con un chirurgo plastico, ma la mia non è stata proprio una visita; diciamo che ho avuto il piacere d'incontrare per caso questo medico che mi ha detto che il problema non è la cicatrice, ma bensì il muscolo sottostante; in pratica, a come ho capito, l'ostacolo non è la cicatrice, ma è il muscolo che non "reagisce" bene. Mi chiedevo a questo punto se sia comunque possibile intervenire per risolvere il problema estetico e quali conseguenze potrebbero derivarne. So che esistono problemi molto più gravi, ma io davvero non riesco più a farmi scattare una foto, non riesco più a guardare negli occhi le persone e distolgo subito lo sguardo; vivo una situazione di continuo imbarazzo. Ringrazio tutti per l'attenzione e nell'attesa di una vostra risposta vi saluto cordialmente. Alessandra

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
non è possibile rispondere al suo quesito in assenza di una valutazione clinica e strumentale complessiva.
Date le implicazioni che Lei riferisce, è opportuno che Lei richieda una vera e propria consulenza (non un incontro "per caso") di chirurgia maxillo-facciale, o chirurgia plastica se necessario, al fine di migliorare la situazione.
Cordiali saluti