Utente 158XXX
Buongiorno,
da mesi soffro di forti dolori durante la defecazione, che perdurano anche per diverse ore, a volte associati a delle perdite di sangue anche copiose. Mi sono stata diagnosticata una ragade anale, dovrò seguire una terapia a base di antrolin, pentacol 500 ed i "simpatici" dilatatori anali. Sto leggendo però che molto spesso ci sono delle recidive e alla fine si arriva quasi sempre al trattamento chirurgico. Vorrei sapere qual'è l'effettiva percentuale di successo di questi metodi non chirurgici e se invece non vale la pena passare direttamente alla risoluzione con operazione chirurgica.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Se la terapia è eseguita correttamente, 60% dopo un mese.
L' opzione chirurgica è da considerare in caso di fallimento, recidiva o in presenza di sintomatologia intensa.Auguri!
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta, ho un'altra domanda: io pratico ciclismo a livello amatoriale, chiaramente ora ho sospeso questa attività, pensa che ci sia una concausa? e soprattutto potrò ricominciare ad andare in bici, oppure mi consiglia di smettere?
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No, pero' sicuramente in presenza di ragade i sintomi aumentano. Risolto il problema potra' riprendere senza conseguenze.