Utente 158XXX
Egregi dottori di Medicitalia, sono uno studente universitario e soffro di ansia da qualche tempo. Tre mesi fa un attacco di panico mi ha costretto a rinunciare a sostenere un esame. Mi é stato consigliato da una specializzanda di cardiologia di assumere 40 mg di Inderal prima dell'esame, ma sono dubbioso perché temo che possano provocarmi un calo di pressione e quindi uno svenimento. Devo precisare che la mia pressione é nella norma, tuttavia durante gli attacchi di panico oltre a tachicardia e iperventilazione ho una certa sensazione di svenimento. Secondo la vostra esperienza, le mie preoccupazioni hanno un fondamento? Vi ringrazio per l'attenzione e attendo una risposta se possibile. Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'utilizzo dei betabloccanti in prevenzione della somatizzazione dell'ansia è improprio e potenzialmente pericoloso, in quanto sarebbe molto probabile l'insorgenza di effetti collaterali, se non altro parecchio sgradevoli.
A questo proposito ti invito a leggere quanto ho risposto qualche giorno fa ad un quesito molto simile (la molecola è diversa, la sostanza è uguale):
http://www.medicitalia.it/consulti/Cardiologia/145840/Tenormin
Cordiali saluti