Utente 158XXX
Buonasera, son un uomo di 35 anni a cui è stata riscontrata un'ernia ombelicale intasata della dimensione di circa 4,8 cm x 1,4 cm che dovrei sottoporre ad intervento chirurgico...tuttavia nel 2006 mi è stato riscontrato nella colecisti un piccolo polipo colesternico di 7 mm che in questi anni non è aumentato di dimensioni...sono stato visitato da 2 chirurghi diversi ed entrambi concordono per l'intervento di ernia in tempi abbastanza brevi tuttavia 1 mi dice di effettuare contemporaneamente l'intervento di colecistectomia in laporoscopia in quanto: 1) "mi tolgo x sempre il dubbio di cosa sia quel piccolo polipo e mi evito il fastidio di fare controlli seriati nel tempo" 2) in futuro sarebbe leggermente + complicato intervenire per un'eventuale colecistectomia 3) può tranquillamente vivere senza nessuna complicanza dopo l'asporto della colicisti.
L'altro consulto invece propende a non effettuare la colecistectomia in quanto non vede la ragione di asportare un qualcosa che funziona bene, senza calcoli e che il polipo colesternico è molto diffuso e se dal 2006 nn è aumentato di volume non ha nulla di cui temere anche se devo continuare effettivemnte i controlli ogni 2-3 anni e poi non è vero che senza colicisti nn ci siano possibili fastidi quali rigurgiti esofagei ecc.
Grazie anticipatamente
p.s. per quanto riguarda l'ernia ombelicale 1 chirugo mi ha detto che avrebbe messo la famosa "retina" e un altro mi ha parlato di qualcosa simile ad una protesi a forma di "sigaretta" che chiuderebbe l'ernia...è la stessa cosa? qual'è il vs punto di vista?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Per quanto riguarda la riparazione dell'ernia ombelicale si possono fare molte ipotesi, ma poi la decisione finale va presa sul tavolo operatorio perche' dipende molto dalle condizioni dei muscoli della parete addominale e dalle possibilita' di ancoraggio della protesi che offre la sua specifica situazione.
Certo, considerando che con tutta probabilita' l'intervento verra' fatto in anestesia generale sembrerebbe un occasione "da non perdere" quella di levare la colecisti sfruttando appunto un'unica anestesia. Tuttavia credo che se non ha calcoli, ne' tantomeno coliche, l'intervento non e' certo improcrastinabile, anzi...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Anche io sono in accordo col Dott. Spina: personalmente propenderei, generalmente parlando, per il parere del secondo collega che l'ha visitata.
La colecistectomia è un intervento con possibili complicanze che, se non giustificate da un' indicazione corretta, non sono giustificate per quanto modeste.
La tecnica di riparazione dell' ernia puo' variare ma va valutata dall' operatore al momento della visita e dell' intervento. Auguri!
[#3] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per i consulti, in effetti sono anche io orientato per intervenire solo sull'ernia ombelicale...solo un ultimo dubbio: successivamente, se fra qualche anno dovrei intervenire con la colecistectomia si potrà sempre intervenire in laporoscopia o ciò non sarà più possibile perchè ho fatto l'intervento di ernia ombelicale e ci sono rischi di "scollamento" della retina durante l'intervento in laporoscopia o altre complicanze?
[#4] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Bisognera' valutare il caso con molta attenzione: di sicuro l'accesso non potra' avvenire attraverso la regione dove si trova la rete, quindi si dovra' eventualmente posizionare il primo trocar in una regione limitrofa. La controindicazione insomma non e' assoluta, ma potra' decidere il Chirurgo al momento opportuno.
Cordiali saluti