Utente 158XXX
Salve
Spero, nella mia ignoranza sull'argomento, di riuscire a spiegare bene il mio problema.
ho eseguito una visita ginecologica a causa di perdite di sangue. durante questa visita la mia ginecologa mi ha detto che oltre alle perdite dovute a stress presentavo una piaga affetta da un fungo che ha definito Gardnerella. Preciso che nell'informarmi della presenza della piaga mi ha detto che poteva essere di natura congenita e comunque curabilissima "da eliminare" e non ha aggiunto informazioni sulla possibile provenienza da malattie di natura venerea o cancro, nonostante la mia domanda specifica sull'argomento. Mi ha semplicemente detto che era meglio eliminarla e che prima di farlo erano necessari degli esami del tutto di routine tra cui la biopsia, non dovevo preoccuparmi perché sarebbe di sicuro risultato che la natura della piaga era normale.
Il pap test su vetrino è risultato negativo, tuttavia il seguente HPV test specifico della piaga ha dato come esito "positivo per HPV rischio alto genotipi 16,18,31,....". Ora stò aspettando l’esito della biopsia specifica della piaga. E la dottoressa continua dirmi di stare tranquilla cosa in cui non riesco assolutamente. Preciso che prima di tutto ciò non sapevo neanche cosa fosse il test HPV.
1)La mia domanda è al riguardo della fiducia che devo dare a questa ginecologa che conosco da poco in quanto mi sono trasferita da poco in una nuova città, se l’iter che stà seguendo è normale e sono io a spaventarmi.
2)Le informazioni in giro su iternet sono spaventose: dovrò convivere a vita con questo virus?
3)sembra che possa colpire qualsiasi parte del corpo comprese mani, piedi ecc. insomma qualsiasi parte del mio corpo può essere fonte di contagio
4)avendo avuto anche rapporti anali ed orali è possibile che anche queste parti siano infette
5)Come devo comportarmi in questo periodo di attesa col mio compagno. Lui non presenta traccia alcuna dell’infezione. L’ho reso partecipe di questa situazione e lo vedo propenso a stare attenti ma non a fare anche lui degli esami. Secondo voi è necessario comunque che faccia anche lui dei controlli? È possibile che io abbia preso l’HPV da lui eventuale portatore non manifesto del virus. Come potremo vivere serenamente la nostra sessualità in futuro nonostante questa infezione?
so che sono molte domande e mi scuso ma sono spaventatissima
grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
posso risponderle solo in maniera telegrafica:
1. Non so se si possa fidare o meno ella collega, di fatto si è comportata in maniera molto sensata
2. Sconsiglio sempre i miei pazienti di andare in giro su internet: è pieno di ignoranti e di poersone in malafede, ma soprattutto ignoranti che perdono ottime occasioni per tacere. Il 98% di ciò che trova si Internet è pura immondizia
3. Le verruche sono da HPV, per esempio, e dalle mai il contagio può avvenire(con buona pace di alcuni colleghi che hanno posizioni assolutamente non condivisibili nè di buon senso) ai genitali. L'infezione può dare segno di sè, dando di volta in volta le manifestazioni cliniche che conosciamo nei diversi siti del corpo, oppure non darne.
4. Non so se l'infezione durerà per sempre, ma di certo il DNA del virus si inserisce in quello delle cellule epidermiche, per cui è possibile che permanga e forse anche a lungo, nell'organismo
5. e'possibile che la mucosa anale sia infetta e, contrariamente a quanto si crede, ho visto anche delle condilomatosi orali
6. Ai miei pazienti consiglio rapporti protetti fino a quando ci sai una buona presunzione di guarigione, più o meno dopo almeno 1 anno durante il quale non ci sono recidive

Infine, faccia fare una visita dermatologica al suo compagno, perchè potrebbe avere lesioni che nè voi nè uol vostro medico di base potreste essere in grsado di vedere.

saluti

Mocci
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

potrebbe tornarle utile la lettura del mio articolo all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

per chiarirle questo dibattuto tema sull'HPV.

cari saluti

Dott. LAINO, Roma