Utente 158XXX
Buongiorno avrei bisogno di un vostro parere perchè ho già eseguito due agoaspirati a distanza di tre mesi l'uno dall'altro e il patologo me ne chiede un terzo, fra sei mesi perchè? Vi spiego brevemente la mia situazione: donna, 50 anni affetta da ipotiroidismo in cura con eutirox, a seguito di ecografia con esito tiroide in sede, ai limiti inferiori della norma per dimensioni, asimmetrica per relativa prevalenza del lobo sinistro sul destro; a sinistra l'ecostruttura è grossolanamente disomogenea ed interessata totalmente da formazione nodulare costitiuta dalla confluenza di multipli noduli. Trachea in asse esofago normoposizionato assenza di linfoadenopatie loco regionali. Lobo destro diametro trasversale 8mm diametro A-P 10mm diametro longitudinale 26mm; lobo sinistro diametro trasversale 10mm diametro A-P 12mm diametro longitudinale 35mm; istmo 3mm. A seguito di questa ecografia l'endocrinologo mi consiglia agoaspirato con esito: negativa la ricerca di cellule tumorali maligne. Cellularità abbondante costituita da aggregati di tireociti dismorfici e da numerosi elementi linfoidi in aggregati simil-follicolari. Presenza di alcuni elementi plurinucleati gigantocellulari. Colloide scarsa. reperto citologico suggestivamente riferibile in prima ipotesi a tiroidite cronica linfocitaria. Necessita di rivalutazione agoaspirativa tra 3 mesi. Rifatto agoaspirato dopo tre mesi con esito: anche in accordo con i dati clinici il reperto citologico è compatibile con tiroidite linfocitaria. Necessita però di rivalutazione aspirativa fra 6 mesi. Durante questo agoaspirato sotto guida ecografica è risultato linfoadenopatie subcentimetriche a livello delle catene linfonodali laterocervicale sin e in sede paratracheale sin. Ma io mi domando: perchè il patologo continua a chiedere valutazioni agoaspirative? Mi devo preoccupare per un eventuale trasformazione dei miei noduli? Grazie per la vostra risposta. Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2004
I due citologici appaiono sufficientemente conclusivi, almeno stando ai referti. Eventuali ulteriori ripetizioni dell'esame, a me poco comprensibili, spettano al suo endocrinologo, che potra' decidere alla luce sia del quadro clinico, che laboratoristico e strumentale.