Utente 158XXX
Ho una neoplasia endocrina nel tratto corpo-coda e devo eseguire un intervento di pancreactomia distale. Mi piacerebbe avere più notizie sul "dopo intervento".


Saluti e grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

l'intervento che lei dovrà subire è un intervento di alta chirurgia.

tutti gli interventi presentano rischi aspecifici e rischi legati all'intervento specifico.

inoltre bisogna considerare l'esperienza del chirurgo.

durante la elaborazione de lconsenso informato il chirurgo stesso dovrebbe redigere un documento (una sorta di verbale) nel quale vengono riassunto tutto il colloquio nel quale il chirurgo in base all'intervento che i accingerà ad eseguire, in base alla sua esperienza ed in base alla etteratura scietifica illustra al paziente tutto quello che si accingerà a fare. verranno indicate inoltre le possibili complicanze aspecifiche e specifiche all'intervento.

questo documento verrà sottoscritto dal chirurgo e da lei.

il suo intervento consiste nella rimozione della coda del pancreas (il pancreas viene anatomicamente suddiviso in tre parti: testa, corpo e coda) e della milza. questo intervento da alcuni (molto pochi) viene approcciato per via laparoscopica (tecnica chirurgica miniinvasiva). la precisa linea di sezione sarà decisa in funzione della localizzazione dl tumore da lei menzionato.

spero di esserle stato utile nei limiti di una valutazione a distanza.

cordiali saluti

un grosso in bocca al lupo

mi tenga informato sull'esito
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
LA RINGRAZIO PER LA SUA VELOCE RISPOSTA , IO EFFETTIVAMENTE STO ATTENDENDO IL COLLOQUIO CON IL CHIRURGO, SONO IN CURA AL S, RAFFAELE DI MILANO. NEL MIO CASO PURTROPPO HO PARERI DIVERSI, UN MEDICO PENSA CHE L'INTERVENTO SIA LA SOLUZIONE DEFINITIVA, UN ALTRO VISTO CHE LE DIMENSIONI DELLA NEOPLASIA ENDOCRINA è DI 2 CENTIMETRI PENSA CHE SIA SUFFICIENTE TENERLA SOTTO STRETTO CONTROLLO.QUINDI ORA DEVO VALUTARE I RISCHI A CUI VADO INCONTRO SE DECIDO PER L'OPERAZIONE E QUANTO EFFETTIVAMENTE MI COMPROMETTERà LA VITA E PER QUANTO TEMPO VISTO CHE MI è STATO DETTO CHE ANCHE L'ALIM ENTAZIONE PER PARECCHIO NON SARà PIù COME ORA. LA TERRò INFORMATA E LA RINGRAZIO ANCORA VIVAMENTE.
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
intanto auguroni, ci tenga informati.

cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signora

la invito a consultare anche il sito del San Raffaele ove sono riportate in dettaglio alcune risposte alle sue domande.

http://www.sanraffaele.org/dipartimenti_oncologia_DU_tumoreendocrinopancreas.html

http://www.sanraffaele.org/pancreasectomiadistale/index.html

Cordiali saluti