Utente 159XXX
Buon giorno, sono una ragazza di 18 anni e da più di due mesi sono in una condizione piuttosto spiacevole.Circa due mesi fa, infatti, ho avuto uno svenimento dovuto ad un evidente calo di pressione...per un'altra settimana mi mi sono alzata con un senso di stanchezza, calore improvviso al volto(e un po di paura perché si potesse ripetere l'avvenimento).. successivamente ho iniziato ad accusare un dolore a tutto l'intestino e l'addome per un'altra settimana e misurando la temperatura mi sono accorta di avere 37.2 al che si era creduto si potesse trattare di appendicite ma l'emocromo segnalava valori nella norma...dopo una settimana ho notato che sulle tonsille arrossate e gonfie erano comparse delle strane striature bianche quindi decisi di andare dal medico che mi diede un antibiotico leggero..il problema però persisteva...tonsille rosse con striature bianche allungate e non particolarmente dolorose, anzi...poi febbricola che si aggirava fra i 36,7 e i 37,2(io ho la temperatura corporea tendenzialmente bassa)...ho fatto monotest e ves..ma esce tutto negativo,ho ripetuto anche l'emocromo ma risulta tutto nella norma, per non parlare del tampone faringeo ripetuto due volte sempre negativo e degli altri 3 antibiotici presi sotto il consiglio del medico dell'ospedale...è passato un mese e dopo aver passato un periodo con un forte mal di testa...ora continuo ad avere queste tonsille allungate, un senso di stanchezza e febbricola ma è scomparso lentamente il mal di stomaco ed il mal di testa...questa situazione sta diventando sempre più stressante...e mi chiedevo se si potesse trattare di un'allergia o di una carenza immunologica...aspetto una vostra gentile risposta e ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno,
gli elementi che riferisce sono del tutto aspecifici. Il tutto potrebbe far pensare ad una forma infettiva (con prevalente interessamento gastroenterico) e al suo "strascico", ma è chiaro che esiste anche una Sua eccessiva apprensione. Smetta di conotrollarsi le tonsille e cerchi di ritrovare serenità. Se i sintomi persistono (o se ne compaiono di nuovi) torni per un consulto dal Suo medico curante che, se necessario, Le prescriverà le oppurtune analisi e/o valutazioni specialistiche.
Saluti,