Utente 159XXX
Salve Dottore,
sono una ragazza di 23 anni. Solitamente in questi anni non ho mai avuto problemi di salute quali influenza, gastroenteriti ecc...quest'anno invece non ho iniziato molto bene... inizia l'anno con febbre a 38° e quello che al mio medico sembrava un semplice mal di gola, che poi nonostante la cura antibiotica (Zitromax) si è evoluto in una discreta tracheite, altra cura antibiotica (Veclam 3al dì) per circa una settimana, dopodichè causa effetti collaterali dovuti a questo (tosse convulsiva e poi emesi) il dott. ha ritenuto giusto interrompere la cura, lasciandomi solo l'anti-mucolitico. La ripresa non è delle migliori, il mal di gola e il rossore persistono, la tracheite è però sparita. Due settimane dopo sono di nuovo a casa con febbre a 39 e gastroenterite, ma il decorso è normale. Altre 3 settimane e sono di nuovo con febbre, raffreddore e tosse catarrosa, altra settimana di antibiotico e antimucolitico, si normalizza la temperatura, il raffreddore se ne va ma restano gli altri. ogni mese mi sono ammalata... il mio dottore per via del persistente rossore alla gola e il catarro bianco ha provato a farmi fare una cura di 10gg di malox, credendo fosse un reflusso di succhi gastrici, ma io non ho mai accusato problemi di stomaco...infatti il rossore è rimasto. Settimana scorsa ho fatto un tampone oro-faringeo per verificare la presenza dello streptococco beta-emolitico di tipo A, ma ha dato esito negativo. Inoltre ho avuto da poco l'impetigine.
sinceramente inizio ad essere un po' stufa di tale situazione e non so più come fare o cosa pensare. cosa pensa lei?
dimenticavo, ho fatto delle analisi del sangue accurate a dicembre ed erano perfette. La mononucleosi ce l'ho già avuta. e non posso prendere antibiotici a base di penicillina per l'interazione con la pillola.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Credo proprio che non sia da scartare l'ipotesi formulata dal suo medico 8reflusso gastroesofageo) anche in assenza di disturbi gastrici, ma in considerazione della complessità dei disturbi che riferisce provi a ripostare la sua richiesta in specialità OTORINOLARINGOIATRIA.