Utente 156XXX
A seguito della recente scomparsa di una giovane amica a causa di un tumore, ho cominciato ad interessarmi ai metodi per la prevenzione degli stessi, con letture e consulti rivolti, oltre ai classici princìpi di sana forma fisica e cura dell'alimentazione, anche all'utilizzo di specifici integratori alimentari.
Mi è parso di capire che le sostanze che potrebbero avere una qualche proprietà antitumorale siano principalmente succo di Aloe Arborescens, Cloruro di Magnesio e Ascorbato di Potassio, che tra l'altro, in dosi contenute, sembrano non presentare particolari effetti collaterali.
Deriso da più parti con un "se fosse così semplice evitare i tumori, con una pianta e un paio di pastiglie" e considerando che comunque l'utilizzo di tali sostanze richiederebbe un certo impegno (preparazione e assunzione regolare tutti i giorni, conservazione al fresco e al buio, sapori sgradevoli, costi), gradirei sapere se può avere qualche fondamento l'idea di utilizzare sistematicamente i suddetti integratori, contemporaneamente, a scopo preventivo, e se ci potessero essere dei problemi di conflitto tra i componenti degli stessi.

Ringraziandovi anticipatamente.
Cordiali saluti.
Matteo
[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
non ha molto senso assumere queste sostanza se non vi è una precisa indicazione clinica. La migliore forma di prevenzione la potrà fare conducendo una vita sana con una alimentazione equilibrata (frutta e verdura, anch'essi ricchi di agenti antitumorali), attività fisica regolare e cercando di evitare il più possibile lo stress psicologico.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 156XXX

Iscritto dal 2010
Dr. Tancredi Ascani la ringrazio per la pronta risposta.