Utente 130XXX
Agosto 2007:urettoragia.
a seguire dolore al perineo, sgocciolamento a fine minzione.
aprile 2008: ecografia transrettale che mostra fibrocalcificazioni perideadenomatose, vescicole seminali e ampolle deferenziali actasiche e congeste, in particolare la destra. ectasia e congestione dei vasi periprostatici.
20 giorni dopo: vescicola seminale destra con espanso ecstasico transonico di 7 X 10 mm.sinistra nella norma. (sentita con il dito come tumefazione elastica)
Febbraio 2009: aspetto congesto della vescicola destra con areola asonica di 7 mm

questa areola asonica cosa puo' essere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

questa "aureola asonica" potrebbe indicarci semplicemente la presenza di una formazione cistica a livello delle vescicole seminali ma da qui nessuna diagnosi certa è possibile , senta ora in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Ok ma formatasi a seguito di una infiammazione? puo' essere? io ho il terrore che sia un tumore e pensavo che dall'ecografia (dalle 3 ecografie) si potesse escludere dato che l'areola e' asonica.I sintomi si sono alleviati molto rispetto a 3 anni fa.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

non vada inutilmente in paranoia; il suo sospetto diagnostico non è confortato da nulla; senta invece in diretta il suo andrologo oppure il suo urologo.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
In che senso "non e' confortato da nulla"? non capisco...
Il problema e' che vorrei trovare un medico veramente esperto ma purtroppo mi sono imbattuto forse in medici troppo giovani.
Se avesse qualcuno da consigliarmi in emilia...
Il tumore in quella parte e' molto raro? leggevo su internet che c'e' stato un solo caso descritto in letteratura...e' vero?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

le informazioni che ha sul tumore delle vescicole seminali sono condivisibili.

Per la scelta dell'andrologo chieda un consiglio al suo medico di fiducia ma anche il nostro sito la può ben orientare .

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
cioe'e' vero che e' stato documentato solo un caso nella storia? lei ha qualche dato piu' preciso?
Poi mi chiedo: possibile che un tumore dia sanguinamento (3 anni fa) dolore al perineo e all'eiaculazione e poi i sintomi dopo alcuni mesi passano?
cioe' io dopo 3 anni sto meglio...se era un tumore alla vescicola non dovrei aver avuto un peggioramento dei sintomi significativo?
Il tutto e' iniziato 3 anni fa dopo una masturbazione alla sera. Mi sono svegliato il mattino con liquido secco giallognolo nelle mutande misto a sangue...
Poi per alcune ore fuoriuscita di sangue rosso vivo dall'uretra in modo intermittente..
le chiedo scusa ma sono agitato...
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

tutte le sue considerazioni portano alle conclusioni già ripetute qui in mille modi e cioè che il suo sospetto diagnostico di tumore non è confortato da nulla; senta invece in diretta per tutti gli altri particolari e specifici sintomi della sua storia passata il suo andrologo oppure il suo urologo, comunque anche questi non portano a fare una diagnosi di "tumore".

Un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Prometto che e' l'ultima domanda: mi sa dire quanti sono i casi di tumore della vescicola seminale? non di tumore derivato da altri tumori ma proprio tumore di quella...
Grazie della sua gentilezza.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

un tumore primitivo, cioè un carcinoma a piccole cellule, delle vescicole seminali, è stato descritto in letteratura solo in due casi.

Un cordiale saluto.
[#10] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
quindi significa che nel mondo e' stato visto 2 volte nella storia? beh se e' cosi' forse la mia preoccupazione e' troppa no?
[#11] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Le chiedo solo chiarimento in merito alla sua frase "un tumore primitivo, cioè un carcinoma a piccole cellule, delle vescicole seminali, è stato descritto in letteratura solo in due casi" non capisco cosa significa...
Grazie e scusi ancora della mia apprensione.
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

comincio a non scusare più la sua apprensione che ha le caratteristiche di una fobia di tipo psichiatrico!

Rilegga quello che ho scritto!

Forse l'unico dato che lei non può completamente capire è il termine "primitivo" che significa di partenza dalle vescicole seminali e non secondario ad altre problematiche.

[#13] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
No no quello l'avevo capito non ho capito cosa significa che sono stati descritti 2 casi in letteratura. Significa che 2 persone hanno avuto questa malattia nella storia e nel mondo? cioe' questo non capisco...vorrei capire se e' una cosa veramente cosi' rara...tipo un 0.000000000000000001 %
[#14] dopo  
Utente 130XXX

Iscritto dal 2009
Lo so che sono pesante e lei forse non mi sopporta piu'...ma le chiedo solo spiegazione di quello che non ho capito. Cioe' non capisco cosa significa che sono stati descritti due casi in letteratura...cioe' ogni volta che c'e'una persona che ha una malattia viene "descritto"? non so se capisce cosa non mi e' chiaro.