Utente 159XXX
Buon giorno dottore vorrei avere un consulto da lei in quanto leggendo i post la ritengo un dottore molto competente. Circa 5 anni fa ho avuto una prostatite, curata con successo, non ho sintomi fortunatamente. Ogni anno faccio una visita di controllo per scrupolo personale, e a tutti i medici urologi interpellati chiedo se c' e' una correlazione tra prostatie ed impotenza, e tutti mi hanno confermato che l' impotenza non e' in grado di provocare impotenza, casomai il dolore può influire sulla libido. Per cui un problema psicologico. Andando a navigare su Internet si trovano dei pareri diversi da quelli esposti dagli urologi interpellati. Chi ha ragione? Altra cosa l' ipertrofia prostatica provoca impotenza e se si perché? La ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

mi sembra che i pareri ricevuti dagli urologi da lei interpellati siamo tutti corretti e condivisibili.

Un disturbo erettivo che si scatena in concomitanza con un'ipertrofia prostatica benigna di solito è dovuto, come effetto collaterale e secondario, a tutti i problemi di svuotamento vescicale e di tipo irritativo legati a questa patologia che creano sempre un'importante disagio psicologico, il senso di avere perso una "normalità".

Altre ragioni organiche, a livello anatomico, vascolare o neurologico, non ci sono.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su queste problematiche urologiche ed andrologiche che interessano la ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la veloce rispostaper cui anche nell ipertrofia l' impotenza che scatenata da un problema psicologico (il dolore inibisce la libido). Posso farle una domanda anche se puosembrare assurda, sia nel caso di una prostatite che di una ipertrofia, se una persona nonostante i sintomi dolorosi riuscisse a rilassarsi potrebbe avere un erezione valida, oppure entrano in gioco altre componenti? La ringrazio in anticipo e mi complimento con lei per la qualità e la professionalità dimostrata
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

certo, ma a volte questo non è possibile o non basta ed è qui che, in alcuni casi, oltre a curare e migliorare la sintomatologia, legata all'ipertrofia prostatica, può essere richiesto l'intervento di un esperto psicologo per affrontare e quindi risolvere in modo preciso e mirato il problema.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta, per cui da un punto di vista virtuale l, ipertrofia non e' in grado di provocare in impotenza, bensì i sintomi possono inibire la libido come nella prostatite
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

si, queste sono le attuali conoscenze confermate che abbiamo.

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Per cui un eventuale impotenza ha origini psicologiche. Ultima domanda cieca 2 anni fa ho fatto un ecografia nella quale e' risultata una piccola calcificazione. Questa calcificazione non mi ha mai dato nessun fastidio. Può darmene in futuro?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

"calcificazioni" a livello della ghiandola prostatica non sono rare nei giovani uomini e significano solo precedenti problemi infiammatori risolti e senza alcuna prospettiva negativa per il futuro.

Un cordiale saluto.

[#8] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la veloce risposta, un ultima domanda, le calcificazioni possono rimanere asintomatiche per tutta la vita?
[#9] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto per la disponibilità, la tempestività nel rispondere e e nella professionalità, un ultima domanda, e' vero che i sintomi Dell ipertrofia non dipendono dalle dimensioni della prostata, in quanto prostate piccole possono dare problemi e prostate grandi essere asintomatiche?
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

lei forse mi vuol far scrivere un trattato di urologia sulle problematiche legate alla prostata!

Non è per caso un collega burlone che si sta divertendo alle mie spalle?

Comunque alle sue domande rispondo con un semplice:sì!

Un cordiale saluto.
[#11] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
caro signore,
le sue non sono domande da utente qualsiasi, ma da medico o da giornalista scientifico, e per tale era stao individuato fina dalla primo post. Apposta abbiamo lasciato al collega Beretta, il più paziente e diplomatico, l' onere e l' onore di risponderle. Se le nostr illazioni sono giuste, la prego di stare fure dai piedi, che comunque stimamo dando pareri gratis a gente che che ne ha bisogno.
Quindi le sue eventuali burle, se tali sono, sono fuori luogo, volgari e piccine.