Utente 160XXX
Gentilissimi, tre settimane or sono ho avuto il corpo ricoperto – non la testa - di bolle pruriginose, definite morbilloidi da un medico che mi ha visitato.
La causa sembrava essere riconducibile all'assunzione di ketoprofene ed esposizione al sole circa 48 ore dopo. Le eruzioni sono infatti comparse dopo 24 ore, espandendosi gradualmente nell'arco di 2 giorni.
Una cura di 7 giorni, a base di antistaminico e deflazacort 30mg/die a decrescere è servita, ma 4 gg. dopo l'interruzione è riapparso un prurito, più leggero, accompagnato da piccole "punture" e sensazione di calore, prevalente su mani (specie palmo), cuoio capelluto e, di meno, ai piedi. In più pelle secchissima e leggero bruciore d'occhi. Niente febbre, ghiandole gonfie o altro. I sintomi appaiono più netti dopo i pasti, specie se sono consistenti e completi (dal primo alla frutta, più bicchiere di vino), ma quasi assenti di notte. Due note: ho avuto la colecistectomia 2 anni fa; ho fatto uso di citalopram per circa 30 mesi (6-7mg/die), interrotto gradualmente all’inizio dei sintomi cutanei. Conto su i vostri suggerimenti. Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio signore,
è difficile farsi un'idea più precisa senza aver visto le lesioni cutanee. Posso dirLe che, per come descrive i fatti, effettivamente potrebbe essersi trattato di una reazione a farmaci (ketoprofene, ma - perché no? - anche citalopram).
In questi casi è possibile, una volta tornati in una situazione di normalità, tentare di eseguire dei test.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la cortese risposta. Di fatto le papule sono andate via, restano come le dicevo prurito in testa, e piccole “ondate” di calore al palmo delle mani e punture di spillo sul corpo (prevalenza mani). Purtroppo, in particolare nella ricerca degli ultimi due sintomi citati, il web ha nutrito la mia ipocondria, facendomi ipotizzare danni epatici, per la mia frequente “leggerezza” nell’assumere farmaci, o persino indirizzandomi verso problemi reumatici o nervosi periferici.
Farò comunque a breve uno screening del sangue. Le sarei davvero grato se potesse suggerirmi esami che possano meglio definire il mio quadro.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Eviti diagnosi fai-da-te su internet. Lei è già stato visitato da un medico, quindi ha già fatto quello che doveva.
Se si è trattato di una reazione a farmaci, non ci sono esami di laboratorio che possono aiutarLa. Se (e questo può supporlo solo chi ha valutato il caso personalmente) si è trattato di qualcos'altro, gli esami saranno dettati dal sospetto clinico.
Onestamente non vedo come questa eruzione possa essere collegata ad epatopatia o a problemi di natura neurologica.
Sulla scorta di quanto da Lei descritto, aspetterei l'evoluzione naturale della cosa prima di fasciarmi la testa con ipotesi improbabili.
Se il disturbo persiste, si recherà dal Suo medico curante per eventuali approfondimenti.
Saluti,