Utente 159XXX
Sono un uomo di 40 anni.
Ho rapporti regolari da quando avevo 18-19 anni.
L'unico modo per eiaculare è avere un rapporto sessuale, con la masturbazione (da parte mia o della mia compagna) o rapporti orali non c'è mai stata eiaculazione. Prima dei 18 anni mi capitava di fare dei sogni erotici e di eiaculare e di non riuscirci in altro modo.
Fino a qualche anno fà non l'ho considerato un problema, finchè da un paio di anni stiamo cercando di avere un figlio.
Non arrivando bambini abbiamo cominciato a fare le relative analisi.
Mentre la mia compagna le ha gia fatte e risulta tutto a posto, io avendo difficoltà ad eiaculazione con la masturbazione non sono ancora riuscito a prelevare lo sperma per le relative analisi (Spermicultura, ecc...).
Potrei prelevare il seme usando un preservativo o praticando il coitum interruptus? Non riesco a pensare ad altre soluzioni.
... e non riesco a capire il motivo per cui non riesco ad eiaculare con la masturbazione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

l'impossibilità ad eiaculare, tramite masturbazione, ha nel suo caso una chiara origine psicologica.

Veda anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Detto questo poi per fare l'esame del liquido seminale, in queste particolari situazioni difficili, non si consiglia il coitus interruptus ma generalmente l'uso di un preservativo in lattice, senza la presenza di creme spermicide.

Chieda comunque al suo andrologo che sicuramente le darà l'indicazione specifica da seguire.

Ritornando infine al suo problema di base potrebbe anche essere utile consultare in diretta uno psicologo con chiare competenze sessuologiche.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
salve.
tempo fa era in commercio un profilattico specifico, potrebbe chiedere in farmacia.
in alternativa potrebbe usare il coito interrotto ma dovrebbe anche avvisare il laboratorio della procedura usata in quanto per la coltura crea dei problemi.
cordialmente
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
il disturbo da lei lamentato ha cause psicogene, che andrebbero elaborate e risolte all'interno di un setting terapeutico, ottimale se il terapeuta fosse anche sessuologo clinico.
Sono spesso difficoltà associate alla paura incoscia di perdere il controllo di sè , oltre alla disfunzionale abitudine all'" auto-osservazione " della sessualità.
Le psicoterapie solitamente hanno tempi lunghi, le suggerirei intanto di trovare strategie fecondative ed in un secondo momento affrontare il problema a monte in maniera definitiva.
Auguri.





www.valeriarandone.it
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni qui ricevute dalla collega Randone, se desidera poi ancora approfondire queste tematiche, le consiglio proprio la lettura del suo bel libro: "Sessualità: usi e costumi degli italiani sotto le lenzuola", Casa Editrice Kimerik .

Un cordiale saluto .
[#5] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
Vi ringrazio per i consulti ...
Non avrei mai immaginato di avere problemi psicologici .. ho sempre pensato ad una semplice e (per me) 'normale' incapacità di eiaculare a seguito della masturbazione.
Vorrei qualche informazione in più circa il preservativo 'specifico' (come indicato dal Dott. Biagiotti) in lattice, senza la presenza di creme spermicide.
Ha un nome particolare?
Come lo chiedo in farmacia senza dover dare troppe spiegazioni?

X il Dott. Beretta
Nel articolo indicato "Quando il rapporto tarda a finire (impotenza eiaculatoria). Che fare?" non mi ci ritrovo molto, premetto che sono una persona normalmente considerata (dagli amici o parenti e anche da me stesso) 'rilassata' o comunque 'non ansiosa'.
Nei rapporti con la mia attuale compagna, ma anche con le precedenti, mi capita spesso di 'venire' insieme, di non avere problemi di 'ritardi'.

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

a mia esperienza i motivi che impediscono di eiaculare con stimolazione manuale oppure(al contrario) con stimolazione coitale sono legati a problematiche difficili da modificare anche con la psicoterapia più lunga ed agguerrita.
La raccolta dello sperma con profilattico speciale o,magari, prima lavato con soulzione fisiologica e lasciato asciugare prima di indossarlo può consentire una valutazione del liquido seminale abbastanza adeguata a stabilire la presenza o meno di fattori maschili di infertilità ( e chiaro con la collaborazione del laboratorista)
cari saluti
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

tutte le eventuali e complesse problematiche psicologiche e comportamentali che determinano l'impossibilità ad eiaculare durante una mastrubazione sono a volte non facilmente ritrovabili in un articolo scritto per ragioni generali e di tipo divulgativo.

Per avere più "chiarezze" deve ora sentire sempre in diretta un esperto psicologo.

per il preservativo adatto in farmacia può semplicemente chiedere un condom senza creme spermicide, dica che è allergico mentre sul "lavaggio" del preservativo mi raccomando usi solo soluzione fisiologica, come detto dal collega Pozza, e stia invece attento a non usare saponi o detergenti che sono tutti spermiotossici.

Un cordiale saluto.