Utente 160XXX
Salve a tutti.SOno un ragazzo di 19 anni e due settimane fa abbiamo cercato con la mia ragazza di fare l'amore per la prima volta!Essendo una cosa che aspettavo da molto mi sono fatto prendere dall'agitazione e il primo pensiero che mi è passato per la testa è stato quello di non riuscire.Infatti così è successo.dopo quella votla abbiamo riprovato la setimana dopo e nonostante l'agitazione ci siamo riusciti.Ma la cosa che mi preoccupa è un altra.Non riesco a godermi il rapporto.Ho sempre la mente occupata dal fatto che potrei perdere l'erezione(cosa che mi succede spesso)e quando riesco a mantenerla non provo neanche molto piacere.Ora è strana questa cosa ma non riesco a capire se realmente non provo piacere o se semplicemente credo di non provarlo perchè in quei momenti la mia mente è affollata di pensieri strani.E' possibile che la mente non mi faccia sentire ciò che lo stimolo mi provoca?nel senso che il pene funziona ed è sensibile ma dato che non riesco mai a stare tranquillo e ce sempre un po di ansia non mi godo il paicere avendo la sensazione di non provarlo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile giovane lettore,

la diagnosi e la causa del suo problema mi sembra che siano state già ben analizzate, proprio da lei.

Se il problema però permane allora bisogna sentire il suo medico curante e poi a ruota anche un esperto andrologo o uno psicologo con chiare competenze sessuologiche.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile ragazzo,
la sua disamina è molto acuta, ma da soli non si riesce a venir fuori dalle difficoltà che albergano la mente, il corpo ,la sessualità e la relazione.
Consulti un sessuologo clinico, che sia anche psicoterapeuta, con cui effettuare qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, troverà grande giovamento e, soprattutto imparerà a non " auto-osservare " la sua capacità erettile e la sua sessualità, e potrà sentire e fruire del piacere del corpo dell'altro.
Auguri.






www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni qui ricevute dalla collega Randone, se desidera poi ancora approfondire queste tematiche, le consiglio proprio la lettura del suo bel libro: "Sessualità: usi e costumi degli italiani sotto le lenzuola", Casa Editrice Kimerik .

Un cordiale saluto.