Utente 160XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 25 anni.L'altra sera mi sono recata al Pronto Soccorso per dei tuffi al cuore che accusavo ripetuti da un giorno e mezzo.In ospedale hanno effettuato l'ecg che evidenziava delle extrasistoli,così mi hanno somministrato 15g di Lexotan e la situazione si è calmata e non ne ho più avvertite. A distanza di 12 ore sono tornate e ho eseguito la terapia del medico del pronto soccorso di prendere 10g 3 volte al dì. Ora va meglio ma sono molto preoccupata,premetto che soffro di tiroidite cronica autoimmune(valori ormonali tiroidei nella norma),reflusso gastroesofageo,ipoacusia bilaterale con acufene sinistro(porto gli apparecchi acustici),e sono lievemente anemica per via della carenza di ferro di cui soffro da diversi anni. Da ottobre 2009 a gennaio 2010 ho sofferto di crisi d'ansia ripetute(non uscivo più di casa da sola,cronica paura di infarto...) curata con l'EN gocce all'occorrenza. Ho effettuato il monitoraggio pressorio delle 24 ore con esito negativo,ovvero tutto nella norma, e ho fatto un ecocardio due anni fa anch'esso negativo.Al pronto soccorso mi hanno fatto gli esami del sangue(controllando anche il cuore,potassio,sodio...)tutto negativo ovvero nella norma;hanno effettuato una lastra al torace,anch'essa negativa; Era da qualche settimana che alzandomi dal letto la mattina avvertivo forte tachicardia e nausea con vampate di caldo/freddo che svaniva riaddormentadomi in un 10 minuti massimo 20 e alternavo attacchi di dissenteria a feci molto dure con forti dolori addominali;anche dolori allo stomaco mentre mangiavo e ora sono spariti da soli. Ora sto aspettando gli esiti degli esami del sangue del colesterolo,della tiroide e del ferro. Premetto che durante la giornata con numerose e ripetute extrasistole,quest'ultime aumentavano con l'aumento dello sforzo fisico(es. prendere una busta pesante,fare le scale). Cosa devo fare?devo ripetere l'ecocardio?sono molto spaventata.Nei mesi in cui soffrivo di crisi d'ansia collegavo ogni sintomo ad un possibile infarto e sporadicamente avvertivo queste extrasistole,ora ho un fastidio/lieve dolore al braccio sx ma è solo un altra somatizzazione?La ringrazio infinitamente per la Sua Attenzione.
Distinti Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Da quanto descritto sembra proprio che l'origine della Sua fastidiosa aritmia sia da attribuire alla emotività, per cui allo stato non appaiono necessari ulteriori approfondimenti strumentali di pertinenza cardiologica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la sua Disponibilità,
Cordiali Saluti.
[#3] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
Salve, Le scrivo a riguardo delle suddette exstrasitoli. Dopo essere andata al pronto soccorso tale fenomeno si è placato per circa 2 settimane, ora da venerdì è ricomparso ed è frequentissimo, in certi momenti avverto anche più di un exstrasistole a minuto. Ho effettuato gli esami del sangue ed è risultato tutto nella norma(compresa la tiroide) solo il Ferro risulta essere a 17 mentre i valori compresi nella norma vanno da 49 a 150. Ho inoltre effettuato ECG sotto sforzo con il seguente esito :
Test ergonimico al treadmill, in assenza di terapia, interrotto al I minuto del IV stadio di bruce standard per esaurimento muscolare , massimale per frequenza cardiaca( FC MAX 189 pari al 96% del teorico previsto, PA max 158/80 mmHg, DP 30000). Durante lo sforzo la paziente non ha accusato sintomi.
ECG di base: RS 95 bpm, non alterazioni patologiche.
ECG sotto sforzo: alcune extrasitoli sopraventricolari, isolate, in presenza delle quali loa paziente ha avvertito cardiopalmo extrasistolico.
Recupero regolare con alcune extrasistole sopraventricolari.
Assenti aritmie ventricolari durante sforzo e nel recupero.
Duke treadmill score : 9.5(<-11 alto rischio; >4 basso rischio)
Heart rate recovery: 14(v.n. >12)
Scarsa tolleranza allo sforzo: MET raggiunti circa 13.

Test da sforzo massimale per FC, negativo per aritmie ventricolari ai carichi di lavoro raggiunti.
Ora il cardiologo mi ha detto che posso tranquillamente fare sport e che dovrei prendere una pastiglia di betabloccante per diminuire la frequenza cardiaca ma ciò funziona davvero per diminuire le extrasistole?cosa posso fare?è veramente frustrante,sono moltissime e non mi danno tregua. Tali extrasistole diminuiscono solo stando a riposo o seduta o sdraiata.Dovrei fare la terapia sopra descritta e quali sport potrei fare? Sono veramente preoccupata.
Grazie per la Vostra attenzione.
Distinti Saluti
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I risultati degli esami che ha riportato, ed in particolare il test da sforzo, sono del tutto nella norma.
Con questo mezzo non è possibile prescrivere terapie o dare giudizi su terapie prescritte da altri medici che hanno potuto visitare personalmente i pazienti, posso solo confermarLe la nature non "pericolosa" delle Sue extrasistoli, ed ogni eventuale trattamento avrebbe l'unico scopo di risolvere il disagio che tale innocua aritmia Le provoca.
Cordiali saluti