Utente 160XXX
Salve.Avrei una domanda da porre anche se non so se questa è la sezione adatta!Sono un ragazzo di 18 anni ed ho eseguito 6 cicli di Abdv in seguito ad un linfoma di hodgkin di 2° grado.Ho terminato la terapia da qualche messe e adesso vorrei sapere se ,dopo aver eseguito questa terapia,sono o potrei essere sterile e come posso fare per avere risposte certe.Ringrazio anticipatamente tutti coloro che risponderanno!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

bisogna a questo punto lasciar passare almeno 6 -12 mesi dalla terapia con l'uso della ABVD (Adriamicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina) poi fare l'esame del liquido seminale ed infine sentire in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
ma la sterilità in questo caso è una conseguenza probabile oppure semplicemente possibile?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sappiamo, per quanto riguarda gli uomini, che la spermatogenesi, cioè la produzione di spermatozoi, risulta altamente sensibile ai chemioterapici come ad esempio la Mecloretamina, la Procarbazina e la Ciclofosfamide.

Quando vengono dati questi farmaci la percentuale di
azoospermie, cioè l'assenza di spermatozoi, può arrivare anche al’86% circa dei casi mentre lo schema terapeutico con l'uso di un protocollo ABVD risulta associato a tassi più bassi di infertilità nell'uomo.

Bisogna fare l'esame in sintesi e poi se ne potrà discutere.

Un cordiale saluto.