Utente 373XXX
egregio dott.
1l 18 aprile 2007 per una caduta dalla moto, ho subito una lussazione acromion claveare della spalla Sx, ho portato un bendaggio e il tutore (quello ad otto senza immobilizzazione del braccio),non sono stato molto bravo in quanto ho tolto qualche volta il tutore per lavarmi e per un giorno intero per un matrimonio (comunque alla fine del periodo. Comunque il tutore non spingeva niente se stavo seduto o disteso nel letto.Il 4 maggio ho tolto il tutore e il bendaggio ma lo scalino era evidente, premetto che, a parte i primissimi giorni, non ho mai avuto dolori ne impedimenti nei movimenti. Il referto finale è: DIASTASI ACROMION-CLAVEARE. NELLA NORMA I RAPPORTI SCAPOLO-OMERALI.Il mio ortopedico è molto contrario al'intervento in quanto potrei andare incontro a problemi catastofici.Ho 56 anni, insegno e non mi va di avere questo scalino antiestetico. Le mie domande sono:
- l'intervento risolve il problema o può peggiorare la situazione?
- in cosa consiste l'intervento?
- ci sono dei centri particolarmente specializzati?
- se non faccio l'intervento a quali inconvenienti potrei andare incontro?
Grazie infinite per la risposta.
Antonio

Sei un medico? Gli Utenti hanno bisogno di Te ORA!

Sei un utente? Racconta la tua storia di Buona Sanità ORA!

[#1] dopo  
Dr. Alberto Costantini
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
gentile utente
generalmente la lussazione acromion-claveare è ben tollerata dal paziente, ed i problemi sono solamente estetici.
L'intervento può essere effettuato secondo una tecnica definita Weaver-Dunn e prevede una incisione di circa 5-6 cm al davanti della articolazione.
Sconsiglierei l'intervento con fili di K o con viti, poichè non tengono conto della particolare biomeccanica di questa area.

Cordialmente

Dr Alberto Costantini
Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Chirurgia Artroscopica
Roma
[#2] dopo  
Dr. Paolo Tessari
24% attività
0% attualità
8% socialità
VILLAFRANCA DI VERONA (VR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
risponderò ai suoi quesiti in duplice veste, da motociclista afflitto dalla sua stessa patologia e operato nel lontano 1977 e da specialista Ortopedico Traumatologo responsabile di un Team Motociclistico.
Nella prima veste preciso che l'intervento di riduzione della lussazione acromion-claveare con chiodo metallico di Kirschner e plastica menisco-legamentosa non ha dato un buon risultato dal punto di vista estetico (ho ancora la salienza del margine laterale della clavicola);dal punto di vista funzionale non ha creato problemi.
Nella seconda veste di Specialista ortopedico penso che la scelta indicata dall'ortopedico che l'ha visitata sia stata corretta e condivisibile. L'intervento non è necessario dal punto di vista funzionale, semmai dal punto di vista estetico (con tutti i rischi che può comportare un intervento chirurgico, dall'anestesia all'infezione)
Per concludere affermo che la scelta di un intervento chirurgico deve sempre essere molto ben ponderata, e da intraprendere quando i benefici dell'intervento superino di gran lunga le possibili complicanze.
Dr. Paolo Tessari Ortopedico in Verona