Utente 160XXX
Salve, ho 34 anni e negli ultimi tempi mi capita di avere problemi di erezione, premetto che nel recente passato non mi era mai capitato, adesso invece appena metto il preservativo e mi "distraggo" un pò perdo l'erezione e lì scatta la paura, devo dire che se la mia partner mi stimola i testicoli spesso riesco a riprenderla ma poi mi capita di eiaculare abbastanza presto. Non vivendo con la partner ho rapporti settimanali, e devo ammettere che mi masturbavo,ma non lo faccio da circa un mese e stasera ad un certo punto sul più bello è "morto", la mia partner mi piace tantissimo, tanto che a volte mi basta stringerla per avere un erezione. devo dire poi che a volte anche tocchi leggeri ai testicoli mi causano dolore mentre botte più pesanti no...Faccio palestra e gioco a calcetto, mi tengo in forma ma non faccio diete, la cosa comincia a frustrarmi, cosa può essere? ho bisogno di un andrologo?un ultima cosa negli ultimi tempi mi è capitato di eiaculare nel sonno, in seguito ad un sogno erotico...spero in una gentile risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la maturazione sessuale prevederebbe di trarre un "bilancio
prestazionale" non legato al singolo evento,bensi' ad una prolungata convivenza.La sporadicita' degli incontri comporta,fatalmente,il legarsi mentalmente a dei riti,come la palpazione "leggera" dei testicoli in contrapposizione a quella "energica",che,nella convivenza vengono,spesso
ignorati.La qualita' della masturbazione,la frequenza della stessa e le eventuali polluzioni notturne,hanno un valore diagnostico molto relativo.
Il profilattico,spesso,rappresenta un ostacolo al sereno e spontaneo evolversi del rapporto sessuale.Comunque,sarebbe opportuno,vista l'ansia prestazionale,che un esperto andrologo ponga una diagnosi a 360 gradi .
Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la gentile risposta, a questo punto sarei interessato ad una visita che magari mi permetta di escludere o verificare l'esistenza di cause "fisiche", poichè mai mi sono sottoposto a questo genere di visita come faccio a trovare un'andrologo professionale nella mia zona?
Grazie mille...
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il nostro sito sicuramente può aiutarla nella ricerca di un esperto andrologo nella città in cui lei vive oltre naturalmente al suo medico di fiducia a cui può sempre chiedere un ulteriore consiglio.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.


[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

la sua dscrizione potrebbe far pensare alla possibile esistenza di problematiche circolatorie, vascolari, che non si evidenziano fintanto che il suo pene viene stimolato manualmente ma che determinano un calo di rigidità e di erezione nel momento in cui cessa lo stimolo manuale o digitale.
In questi frangenti si instaura una problematica ansiosa, quasi di panico, paura di non farcela, che peggiorano il fenomeno.
qualche informazione in più su www.erezione.org
Anche sul sito troverà validi andrologi che operano nel napoletano
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

comunque, fatta la valutazione andrologica, ci tenga aggiornati sulle conclusioni diagnostiche e sulle indicazioni terapeutiche che le saranno date, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.