Utente 376XXX
buongiorno,
da diversi mesi ho notato delle anomalie per quel che riguarda l'erezione.
-erezioni mattutine molto rare o cmq solitamente poco rigide.
-impossibilita' a raggiungere l'erezione senza stimolazione diretta (prima mi bastava vedere o pensare, o trovarmi in una situazione particolare..ora accenna appena ad un erezione ma non c'e' la fa)
-raggiunta l'erezione con stimolo manuale anche se le dimensioni sono quasi al 100% non lo e' la rigidita'..e' variabile ma in certi periodi e' proprio poco rigido.
-nonostante cio', mi e' capitato ultimamente di svegliarmi con un erezione al 100% o talvolta me la sono procurata anche con stimolo manuale. non so se questo puo escludere alcune cause (cioe':ogni tanto funziona).

ora sono sempre stato ok da questo punto di vista.
frequentavo una ragazza che poi mi ha rifiutato definitivamente, ma non abbiamo mai provato ad avere un rapporto completo, e' stata una storia emotivamente dolorosa fin dall'inizio, stress e depressione sono sicuramente due aspetti che ho vissuto e vivo,lo dico perche ho letto possono essere cause o concause.
altre cose che possono essere collegate, e' che mi capita spesso di dover andare ad urinare, ho fatto ai tempi(2 anni fa) degli esami, ma mi han detto che la mia prostata e' normalissima.
fino all'anno scorso (avevo iniziato 2 anni fa) prendevo la finasteride per i capelli, so che puo avere degli effetti ma dovrebbero essere temporanei, almeno spero.
appena potro' andro a fare una visita, ma volevo chiedere cosa ne pensate..puo capitare un periodo in cui per stress, l'erezione non e' al 100% e nel caso quanto dovrebbe durare, affinche rientri nella norma? grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Una erezione poco valida può benissimo essere causata da uno stato psicofisico non esaltante, ma concordo sulla necessità di un controllo che Lei per altro ha già " in cantiere".
Nel frattempo desisterei da tentativi vari che , a mio avviso, complicano solo la problematica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
concordo con il collega, e le consiglio di non stressare troppo il problema
[#3] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2007
grazie intanto per le risposte.
quello che noto di maggiormente anomalo, è più che altro la difficoltà a "partire"..cioè una volta raggiunta un erezione poi rimane.
che meccanismi sono richiesti per innescarla,ma che non sono poi cosi determinanti per mantenerla?
si puo restringere il campo?