Utente 135XXX
Buongiorno,

ultimamente mi è accaduto, per circa 5 volte consecutive, di eiaculare prima di raggiungere l'erezione quando venivo stimolato con le mani o la bocca.
Non avevo mai registrato questo fenomeno in precedenza; quando in passato occasionalmente non riuscivo a raggiungere l'erezione, per ansia di prestazione suppongo,comunque non eiaculavo, ora sembra che l'eiaculazione avvenga anche con poca stimolazione.
Aggiungo qualche altro dato:in passato ho assunto psicofarmaci serotoninergici, per circa 3 anni e un neurolettico, l' Abilify, per altri 2 anni. Da circa 5 mesi questa terapia si è conclusa. I serotoninergici mi causavano una pronunciata eiaculazione ritardata.
Aggiungo anche che ho ripreso ad avere rapporti sessuali da un paio di mesi dopo un'astinenza di circa 1 anno, dovuta a problemi relazionali.
Recentemente avendo tentato di avere un rapporto sessuale dopo non aver dormito
per circa 36 ore a causa di un viaggio e dopo avere abbondantemente assunto caffè nel corso del viaggio stesso, ho notato che questo fenomeno della eiaculazione all'inizio della stimolazione era diventato più pronunciato.
Vorrei quindi chiedere di cosa si puo' trattare, visto anche che come ho detto di eiaculazione precoce non ho mai sofferto in precedenza.

Grazie per l'attenzione e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
potrebbe trattarsi di eiaculazione precoce che puà insorgere de novo per problemi psicogeni od organici: prostaici, infiammatori o ormonali. Se non si sitema autonomamnete entro un mesetto meglio farsi vedere. A volte questi periodi sono transitori e non sempre occorre interbvento andrologico
[#2] dopo  
Utente 135XXX

Iscritto dal 2006
Grazie Dr. Cavallini.
Volevo anche chiedere se questo fenomeno può essere una conseguenza degli psicofarmaci assunti e che non prendo più
da 5 mesi. Prima di iniziare ad assumerli funzionavo generalmente bene, poi con la l'inizio di questa terapia sono cominciati i problemi, soprattutto eiaculazione ritardata o addirittura impossibile, ma anche minore facilità di raggiungere l'erezione e calo del desiderio.
Attualmente come farmaci mi è rimasta solo una mezza compressa, 15 mg quindi, di Nopron, un ipnoinducente antistaminico; è una quantità molto modesta, che fra poco conto di terminare, e quindi penso che non c'entri nulla.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
No, non è effetto di sospensioni di farmaci, il nopron non c' entra.