Utente 161XXX
buon giorno, sono una laureanda in Medicina e Chirurgia, leggo sempre con interesse la vostra rubrica che mi è spesso utile da quando ho intrapreso l internato ai fini della tesi in Diagnostica per Immagini,
volevo porre alla vostra attenzione il seguente caso clinico che mi ha piuttosto incuriosito in attesa dell'agoaspirato;
pz maschio di 25 anni, lieve ginecomastia, inviato dal chirurgo per eco prostatica come ultimo sospetto diagnostico dato che il videat endocrinologico e il quadro ormonale (ormoni sessuali, tiroidei, prolattina) risulta nella norm). all ecografia, risultava una pregressa prostatite.
come reperto collaterale la mia tutor ha evidenziato il seguente quadro; eco scrotale : didimi e epididimi di dimensioni ridotti ad ecostruttura marcatamente disomogenea, bilaterale. immagine ipoecogena a carico del didimo dx a margini sfumati del diam di 5 mm che al completamento mediante color e PW doppler presenta segnali vascolari intre e peri lesionali di tipo arterioso a bassa portata. modica falda liquida nella vaginale comune.
la mia domanda è; nell' attesa dell ago aspirato, la lesione è di univoca interpretazione maligna? ho letto e riletto Pontieri e Ascenzi ma non riesco a formulare un sospetto diagnostico che non sia una lesione tumorale !!(soprattutto per la vascolarizz della lesione) , l unica cosa che mi viene in mente è un po bizzarra , un tumore che secerne B hcg correlerebbe la lesione con la ginecomastia...
attendo con ansia un vostro aiuto !
claudia
universita degli Studi di Roma La Sapienza

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara collega,
i questi casi nessuna ipotesi, ma bisturi: biopsia a cielo aperto. L' agoaspirato non è mai sicuro, sono chirurgo di nascita. Quanto alla bixzzaria dei tumori t4esticolari, se così non fosse non sarebbero testicolari.
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Dottor Cavallini, Lei mi lascia con l'amaro in bocca!
La mia curiosità era prorpio un ventaglio delle ipotesi!
( inizio a capire che la mia specializzazione non mi consente di vedere "la fine della storia", e questo mi mette un pò in crisi!)
La ringrazio ovviamente per la sua disponibilità, e in effetti concordo con lei sulla "contaminazione" da agoaspirato....aspettiamo...!
grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
le ipotesi sono un bagaglio di cui il neofita ha dsemptre bisogno: si accontenti di valutare se un quadro è più o meno grave. E' una visone chirurgica, non internistica me ne rendo conto. L' ipotesi? Un teratoma di maturità ignota o un coriocarcinoma (rarissimo). Detto questo la parola all' anatomopatologo.
[#4] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
perdoni la mia irriverenza ho solo un' ultmima domanda...(senza pretendere di rubarle i segreti del mestiere) perchè proprio uno di questi due e non ad esempio un seminoma??? la ringrazio ancora!
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non mi risulta i seminomi possano essere secrenenti. in ogni caso la ginecomastia potrebbe anche un fenomeno a sè, ed allora potrebbe essere sì un seminoma, ma la sua domanda era: esiste un tumore testicolare che possa dare una ginecomastia?. Vedd cosa succede a fare ipotesi? Non va bene niente,. Meglio il bisturi, creda, delle ipotesi.