Utente 161XXX
Buongiorno,
il 27/04 sono stato operato per l'asportazione di una cisti sacro coccigea ed il 12/05 mi sono stati tolti tutti i punti.
Purtroppo settimana scorsa ho dovuto andare al Pronto Soccorso poichè si era formato del pus/siero all'interno della ferita.
L'infermiere che mi ha medicato mi ha detto che nel punto più basso della cicatrice, la ferita è ancora aperta ed è per questo motivo che si è formato il pus.
In questi giorni sto usando un antibiotico, di nome ABBA, per evitare nuove infezioni.
Volevo chiedere se è il caso di farsi visitare in ospedale, o in privato da un chirurgo, per un eventuale applicazione di punti per chiudere del tutto la ferita, oppure aspettare che si richiuda da sola (in questo caso continuando a disinfettarsi tutti i giorni).
Nell'ultimo caso, cosa bisogna fare per evitare nuovamente la formazione di pus?

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
la stabilizzazione della ferita di una fistulectomia sacrococcigea è spesso motivo di incertezza nel decorso post-operatorio.
Escludendo del tutto la possibilità di risuturare la ferita, Le consiglierei un controllo ambulatoriale periodico presso una struttura chirurgica ove pogrà essere seguito e medicato attendendo la definitiva chiusura del tratto deiscente.