Utente 161XXX
Salve, ho trent'anni. A marzo di quest'anno ho scoperto di essere incinta (ultime mestruazioni l'8 febbraio). Dalle prime ecografie non si riusciva a vedere la camera gestazionale. Il 7 aprile con eco transvaginale viene riscontrato l'aborto in atto. Mi consigliano di attendere che le mestruazioni facessero "pulizia" da sole per evitare un raschiamento (più pericoloso). Dopo venti gg di attesa inutile il 26 aprile mi viene fatto il raschiamento (hcg 114000). Dopo due settimane, il controllo istologico del materiale prelevato riscontra probabile presenza di mola completa. Controllo hcg 17 maggio risultano 23000. Così il 18 maggio vengo sottoposta ad un nuovo raschiamento senza iniziare la terapia chemio inizialmente prospettata. Controllo hcg 24 maggio risultano 41000 e in attesa istologico. Il 26 maggio controllo istologico riscontra solo materiale trofoblastico ma hcg stabili con lieve aumento (+ 300). Ecografia stesso giorno evidenzia intensa attività vascolarizzata, utero pulito, interessamento dell'interno di una parte della parete uterina. Quindi 27 maggio (hcg 47000) inizio terapia chemio con MTX (1 mg/kg) alternata ad acido folico. 29 maggio hcg 53000. 31 maggio 52000. 2 giugno 43400. 4 giugno 43300. Il medico mi prospetta la possibilità di dover affiancare un altro farmaco vista la poca variazione delle bhcg. Esito Rx e TAC negativi. 6 giugno hcg 20000.
Ringrazio per l'attenzione prestata. Ho cercato di inserire più dati possibili.
Vorrei sapere il vostro parere, non perchè non mi fidi dell'operato di chi mi segue, ma perchè ci tengo al fatto che errori del tutto umani possano compromettere il mio futuro. Chiedo in particolare:
1) di cosa si può trattare? (mi sono state prospettate possibilità di mola vescicolare, mola invasiva, placenta accreta)
2) che possibilità ho che tutto finisca per il meglio, e se ci sono, quanto tempo dovrò aspettare per vedere azzerate le hcg?
Ringrazio ancora per l'attenzione che vorrete prestare.
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La mola idatiforme completa nasce dalla fertilizzazione di un uovo "vuoto" , cioè un uovo nel quale il nucleo sia assente o non funzionante.La mola "parziale" è molto più rara.
Le beta HCG debono esssere seguite settimanalmente finchè non si registrano tre valori normali consecutivi.
I tumori trofoblastici gestazionali possono svilupparsi dopo qualsiasi gestazione,comprese le gravidanze a termine ed ectopiche o l'aborto spontaneo.Comunque,la maggior parte si verifica dopo una gravidanza molare.
E' importante l'esito dell'esame istologico per poter stabilire se si tratta di:MOLA INVASIVA,CORIOCARCINOMA O TUMORE PLACENTARE(RARISSIMO).
Saluti
[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Dott. Blasi la ringrazio infinitamente per la risposta inaspettatamente rapida.
Volevo precisarle che a differenza dell'esito dell'esame istologico del primo raschiamento (..il quadro mostra più criteri per una mola vescicolare di tipo completo..) quello del secondo ha riscontrato esclusivamente materiale trofoblatico.
Inoltre vorrei chiederle se secondo lei è controindicata l'assunzione di una pillola anticoncezionale nel periodo di terapia.
La saluto cordialmente e la ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Si può tranquillamente assumere la pillola.
[#4] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività +60
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo